In Italia solo l’1,9% dei campioni di alimenti analizzati nel 2016 presentava residui di pesticidi oltre i limiti di legge e quasi il 65% erano privi di residui quantificabili. È quanto emerge dall’ultimo rapporto pesticidi dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), con dati forniti dalle autorità nazionali e riferiti al 2016. Quella dell’Italia è la performance migliore tra i grandi paesi europei circa il rispetto dei limiti di legge sui residui, sebbene la buona notizia riguardi l’intero Vecchio Continente dove i dati dimostrano che si continuano a consumare perlopiù alimenti ampiamente privi di residui di pesticidi o che ne contengono entro i limiti.

Nell’Ue circa il 4% degli 84.600 campioni analizzati alla ricerca di 791 pesticidi non rientrava nei parametri di legge e in quasi il 51% dei casi i residui erano sotto la soglia di quantificazione. In particolare dei 1.676 campioni di alimenti destinati a neonati e bambini piccoli, il 98,1% rientrava nei limiti consentiti dalla legislazione dell’UE.

Vytenis Andriukaitis, Commissario UE per la Salute e la Sicurezza Alimentare, ha dichiarato: «Come negli anni precedenti, questo rapporto conferma l’alto livello di conformità degli alimenti sugli scaffali nell’UE. Ogni anno migliaia di prodotti alimentari sono controllati dagli Stati membri per verificare che i limiti legali siano rispettati: abbiamo il dovere nei confronti dei cittadini europei di assicurarci che la catena di produzione degli alimenti dell’UE rimanga la più rigorosa e controllata al mondo, ma anche di dimostrare che siamo in continuo miglioramento».





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.