dj faboL’eutanasia di dj Fabo, l’uomo che rimasto paralizzato, cieco, quanto perfettamente lucido, in seguito a un incidente stradale è dovuto andare in Svizzera per poter compiere la sua scelta di terminare la vita è al centro del dibattito di questi giorni. Troppa gente pontifica, analizza, giudica la scelta di un uomo. A loro agio nel mettersi nei panni di una persona, consapevoli che quei panni non sono costretti ad indossarli se non per una rapida intervista, un comunicato o un editoriale.

Sulla questione troviamo giusto prendere poche righe per esprimere la nostra: da rivista antiproibizionista che però non ha mai ridotto la questione della lotta alle proibizioni al solo tema delle droghe, o ancor meno, al solo tema della cannabis.

Perché la morte di dj Fabo è una questione di antiproibizionismo. Essere antiproibizionisti non significa infatti solo essere a favore della legalizzazione delle droghe leggere. Sarebbe una visione di una ristrettezza mentale imbarazzante. L’antiproibizionismo è una visione politica e di vita: significa essere a favore del libero arbitrio, della libertà di ciascun essere umano di poter disporre del proprio corpo in maniera libera e cosciente. Senza alcuna costrizione se non quella di non ledere i diritti degli altri.

Il diritto di poter scegliere di consumare o non consumare sostanze psicoattive. Il diritto di amare chi si vuole a prescindere dalle convenzioni sociali. E anche il diritto di poter scegliere di lasciare la vita, se questa è diventata insopportabile, come nel caso di dj Fabo. Questo è l’antiproibizionismo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.