Comunicazioni promozionali

Perché la cannabis può rendere il mondo un posto migliore

Molte delle sfide che il mondo oggigiorno affronta, come la crisi ambientale e le ostilità tra culture, derivano dalla mancanza di apprezzamento per la profonda interconnessione tra tutte le persone e le cose

Sembra che la nostra società stia andando allo sfacelo a causa dell’atroce individualismo che regna ovunque. Ma esiste una luce alla fine del tunnel, perché la marijuana potrebbe essere la chiave per un mondo più equo in cui ci trattiamo tutti meglio. Secondo studi scientifici il consumo di cannabis rende le persone più gentili, piacevoli ed empatiche nei confronti degli altri, il che fa dimenticare loro il proprio ego e fa sì che si preoccupino maggiormente dell’umanità in un contesto collettivo più ampio. Qualcosa di cui abbiamo sicuramente molto bisogno!

I consumatori di cannabis sono sempre stati considerati calmi, rilassati, amichevoli, sorridenti… Dopotutto, la marijuana ci rende più felici e tendiamo a rilassarci di più nella vita rispetto ai non consumatori.

Tuttavia, al di là dell’esperienza aneddotica, la maggior parte delle ricerche sugli effetti del consumo di cannabis si è concentrata sulle conseguenze negative della dipendenza o sugli effetti sulla salute fisica. Non è stata dedicata quasi nessuna attenzione scientifica alla comprensione degli altri effetti psicologici e comportamentali del consumo di questa pianta, anche se ampiamente utilizzata nel corso della storia umana.

Perché la cannabis può rendere il mondo un posto migliore

Attualmente, ci sono prove scientifiche in crescita che suggeriscono che l’uso di marijuana ci rende persone più empatiche e, in generale, più gradevoli. L’ultimo di questi studi è stato condotto dai ricercatori dell’Università del New Mexico (UNM), intitolato “Consumo di cannabis e prosocialità”. I risultati, che sono stati pubblicati sulla rivista “Scientific Reports” nel maggio 2022, hanno prodotto spunti affascinanti sui modelli comportamentali ed emotivi dei consumatori di cannabis.

I ricercatori hanno analizzato 146 studenti universitari di età compresa tra 18 e 25 anni e hanno misurato il loro consumo di marijuana osservando la quantità di THC nelle loro urine. Ogni giovane adulto è stato sottoposto a una serie di valutazioni psicologiche e di questionari mentre i ricercatori analizzavano i loro “fondamenti morali”, che sono fondamentalmente il tipo di ideali a cui pensiamo quando giustifichiamo ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

E hanno scoperto che i consumatori di marijuana mostravano più empatia, moralità nel prendere decisioni e comportamento prosociale rispetto ai non consumatori, confermando l’esistenza di un’associazione causale tra questi comportamenti e il consumo di cannabis.

L’empatia, o la capacità di mettersi nei panni di qualcun altro per vedere il mondo da una prospettiva diversa, è stata a lungo uno dei fondamenti della cultura della marijuana. Qualsiasi consumatore di cannabis, sebbene sia difficile spiegare perché, prova una sensazione di amore più amplificata per se stesso e per gli altri mentre è sotto gli effetti della cannabis. Questo è il motivo per cui essere in grado di entrare in empatia in generale è più facile per i consumatori di marijuana.

GUARDANDO DENTRO IL NOSTRO CORPO

Ma esistono altri studi e ipotesi che forniscono dati interessanti su come ciò avvenga nel corpo umano. Il consumo di cannabis ha un effetto sulla regolazione e sull’elaborazione emotiva, nonché sulle risposte psicologiche generali. Riduce le nostre risposte allo stress, il che possiamo dire che ci aiuta a vedere il mondo in modo più pacifico e a prendere decisioni coinvolgendo di meno il nostro ego.

L’ego di per sé non è cattivo; infatti, un ego sano ed equilibrato ha aiutato gli esseri umani a sopravvivere. Altri animali ce l’hanno in diverse capacità, ma l’ego si è evoluto nel corso dei secoli. Tuttavia, gli esseri umani che hanno un ego sottosviluppato o sovrasviluppato possono avere problemi, come ad esempio la depressione, o causare problemi ad altri nel mondo a causa della loro natura egocentrica. Riuscire a trovare un equilibrio tra i nostri bisogni e quelli degli altri è il punto in cui entra in gioco l’empatia e la marijuana può essere uno strumento fantastico per accedere a quella parte del cervello.

Perché la cannabis può rendere il mondo un posto miglioreLA CANNABIS, UNA SUPER MEDICINA PER IL CORPO E PER LO SPIRITO

I risultati di questa ricerca potrebbero anche influenzare il tipo di farmaci usati per trattare problemi medici. Gli oppioidi, ad esempio, possono causare sbalzi emotivi negativi e comportamenti antisociali, mentre la cannabis tende ad aumentare la socialità e può essere usata per curare disturbi simili agli oppioidi.

Gli psicologi sperano che questo studio incoraggi ulteriori ricerche, ma riconoscono che i risultati sfidano ancora molte nozioni preconcette sugli effetti della cannabis. La prosocialità è essenziale per la coesione e la vitalità generale della società e, pertanto, gli effetti della cannabis sulle nostre interazioni interpersonali possono diventare ancora più importanti per il benessere sociale rispetto ai suoi effetti medicinali.

Pertanto, la pianta della cannabis dovrebbe essere definita una super medicina, rispetto alla maggior parte degli altri prodotti farmaceutici convenzionali, perché non solo è efficace nel trattamento dei sintomi di un’ampia gamma di patologie, in modo rapido e relativamente sicuro, ma ora abbiamo prove concrete anche del fatto che può aiutare a migliorare la salute psicosociale.

L’AUTOCOLTIVAZIONE COME RIVENDICAZIONE SOCIALE

Inoltre, l’autocoltivazione della cannabis è un processo molto gratificante che ha anche un effetto sulla crescita personale. Diventare un coltivatore è un percorso di apprendimento, dallo scegliere i semi di marijuana, al provare diverse tecniche, metodi e stili di coltivazione, che si traduce nello sviluppo di un rapporto molto più profondo con le piante. Ed è stato dimostrato che prendersi cura di un altro essere vivente in un ambiente in cui abbiamo tutta l’influenza ha un effetto molto positivo sulle persone.

Ogni pianta di cannabis inizia con un grande seme, motivo per cui a questo proposito le banche di semi di marijuana  come la Kannabia Seed Company hanno un’innegabile responsabilità in quanto guardiani del patrimonio genetico della cannabis, rivendicando la normalizzazione dell’uso di questa pianta nella società e divulgandone la proprietà e i vantaggi per migliorare la vita delle persone.

IL RUOLO DEGLI ENTEOGENI NEL MODO IN CUI PERCEPIAMO IL MONDO

La marijuana è uno dei più antichi enteogeni conosciuti dall’uomo. Gli enteogeni si riferiscono a una sostanza di origine vegetale che può indurre uno stato di coscienza superiore e che può portare al cambiamento. È stata utilizzata fin dall’antichità per motivi spirituali e religiosi, quindi questi risultati non dovrebbero sorprenderci.

Oggigiorno l’uso di enteogeni è di nuovo in aumento, con la marijuana che è la più popolare e accessibile, data la sua diffusa legalizzazione negli Stati Uniti e nel resto del mondo. Il suo uso democratizza le esperienze mistiche e, poiché sempre più persone consumano la cannabis, può ispirare sentimenti di riduzione dell’egocentrismo.

Questa ‘dissoluzione dell’ego’ ha come risultato un momento di accresciuta coscienza, un sentimento grazie al quale la mente entra in contatto più diretto e intenso con il mondo. La cannabis può far sì che le persone smettano di pensare che vengano sempre al primo posto rispetto a un senso di altruismo e di responsabilità nei confronti delle altre persone, il che rappresenta un enorme vantaggio per la società.

Perché la cannabis può rendere il mondo un posto migliore

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button