Il Daspo Urbano è previsto dalla legge 48 del 18 aprile 2017 che ha convertito il decreto legge 20 febbraio 2017 numero 14, uno dei “decreti Minniti” che contiene disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città e prende il nome dal ministro dell’Interno nominato il 12 dicembre 2016.

Sono state introdotte sanzioni amministrative che vanno dai 300 ai 900 euro per chi leda il decoro urbano, la libera accessibilità o la fruizione di infrastrutture, luoghi di pregio artistico e storico e per chi violi i divieti di stazionamento e occupazione di spazi, assuma alcol o droghe o eserciti il commercio abusivo, l’accattonaggio o la prostituzione “con modalità ostentate”. Con il Daspo scatta l’allontanamento dalla città o dal luogo in cui è stato commesso il reato. Il provvedimento è entrato in vigore il 22 aprile 2017 e l’elenco delle città italiane in cui è stato applicato continua ad aumentare. Fino a settembre in Italia erano stati comminati 80 Daspo.

La sera del 21 novembre è stato applicato per la prima volta a Bologna e sono state sanzionate dieci persone colpevoli di dormire per strada. Diverse associazioni locali hanno raccolto l’appello di “Piazza Grande” (associazione fondata dalle persone senza dimora che pubblica uno storico giornale di strada) e sono scese in piazza Maggiore per chiedere il ritiro dei provvedimenti, invano.

L’allontanamento degli indigenti non è una soluzione né dal punto di vista pratico né da quello umano. Dove dovrebbero andare a finire queste persone? Nei Comuni limitrofi in attesa di essere allontanate anche da lì? Bisogna opporsi a questi provvedimenti che sembrano pensati per punire il disagio sociale.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.