«L’Unione Europea ha deciso di inserire i fiori di canapa, il CBD e i cannabinoidi in genere, compresi gli estratti, nell’elenco dei cosiddetti “novel food”, ossia quei “nuovi” alimenti che necessitano di un iter autorizzativo lungo e notevolmente costoso per essere riconosciuti come tali. Secondo Bruxelles infatti non sarebbero state presentate prove sufficienti di una tradizione d’uso alimentare della canapa anteriore al maggio 1997. Una simile motivazione è smentita da documenti che attestano l’uso della canapa e dei fiori di canapa come alimento almeno da alcuni secoli, quantomeno in Italia». È il comunicato di Federcanapa e Canapa Sativa Italia, che commentano le recenti mosse dell’UE.

Dello stesso avviso anche l’EIHA, l’associazione europea per la canapa industriale, quando afferma che «l’uso di parti aeree della canapa è tradizionale nella dieta umana. Come tale, la canapa industriale è stata utilizzata come fonte di cibo tradizionale per diverse migliaia di anni». L’EIHA, invitata dalla Commissione Europea alla discussione a gennaio, chiede «che le istituzioni dell’Unione europea adottino rapidamente una strategia politica che consenta all’Europa di competere sulla scena mondiale che mostra crescenti approcci competitivi dall’Asia, dal Canada e dagli Stati Uniti».

Federcanapa sottolinea poi che: «Il cannabidiolo (CBD), già inserito nell’elenco degli ingredienti dei cosmetici europei (CAS n. 13956-29-1) per i suoi effetti “antiossidanti, antiseborroici, emollienti e protettivi della pelle” è stato riclassificato e soggetto a restrizioni in quanto sarebbe connesso a sostanze narcotiche (vedi THC) incluse nella Convenzione Unica internazionale sugli Stupefacenti del 1961».

«Il riferimento – continua il comunicato – è palesemente erroneo e illegittimo, in quanto la Convenzione stessa riconosce che la “canapa industriale” non rientra nell’ambito della legislazione sulle droghe e del resto non contiene alcun riferimento al CBD, cannabinoide notoriamente privo di effetti stupefacenti. Tra l’altro questa impostazione contrasta con le recenti raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di escludere dagli stupefacenti i prodotti a base di CBD e con livelli di THC inferiori allo 0,2%».

Infine da Federcanapa e Canapa Sativa Italia arrivano alcune richieste: «Dato che la normativa europea rimette alla competenza di ogni Stato membro la decisione su quali sostanze siano o meno novel food o quali siano integratori alimentari, chiediamo al Governo e al Parlamento italiano di adottare gli strumenti legislativi idonei per chiarire:

1. l’esclusione della canapa dall’elenco dei novel food;

2. l’inserimento degli estratti di cannabinoidi non psicoattivi e con livelli di THC inferiori alla soglia dello 0,2% nella lista degli integratori alimentari, per dare piena attuazione alla legge sulla canapa industriale e in conformità con le raccomandazioni della stessa OMS;

3. l’inclusione del CBD e degli altri cannabinoidi non psicoattivi tra le sostanze cosmetiche.
 Si tratta di definire poche regole di buon senso, a sostegno di prodotti che favoriscono e non
danneggiano la salute delle persone e a sostegno dei principi di libera iniziativa economica, onde
evitare di danneggiare tutti quegli investitori che hanno creduto in un settore innovativo,
investendo risorse e competenze».





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.