I mozziconi di sigarette sono una vera piaga ambientale. Globalmente parliamo di 5.8 trilioni di sigarette fumate ogni anno che a loro volta generano la bellezza di 800mila tonnellate di mozziconi. La nocività dei filtri di sigaretta risiede non solo nella tossicità dei metalli pesanti che contiene e che inquinano falde acquifere e di conseguenza flora e fauna, ma soprattutto nell’acido di cellulosa che non è biodegradabile.

Uno studio dell’Università di Nottingham mette in evidenza un possibile secondo utilizzo dei mozziconi, ovvero quello di sfruttarli come serbatoio per l’idrogeno nella costruzione di automobili e altri sistemi di immagazzinamento di energia.

Da anni gli studiosi sono affascinati dall’alimentazione ad idrogeno e cercano nuove tecniche per lo stoccaggio. Difatti il problema principale a livello tecnico (accantonando il problema delle lobby del petrolio, che non guardano in faccia a nessuno, e tra l’altro, riprendono a trivellare tra i ghiacci grazie al benestare di Trump) è la difficoltà nell’immagazzinamento a causa della scarsa densità energetica dell’idrogeno. In sostanza per avere lo stesso rendimento della benzina, e per esempio percorrere gli stessi chilometri in auto, occorrerebbe un serbatoio mille volte più grande se l’auto fosse alimentata ad idrogeno.

Per immagazzinare l’idrogeno si può variare la pressione per cambiare lo stato dell’elemento, oppure utilizzare gli idruri metallici, in questo caso i mozziconi di sigaretta. In pratica l’idrogeno va a riempire gli spazi interstiziali di questi elementi porosi, come farebbe l’acqua con una spugna. La ricerca mette in evidenza come attraverso un processo denominato carbonizzazione idrotermale (esclusivamente a base di acqua e calore), i mozziconi di sigaretta risultano essere non solo ottimi per lo stoccaggio di idrogeno, ma anche ad oggi il miglior modo di immagazzinarlo in termini di volume.

Lo stato dell’arte attuale vede per le automobile ad idrogeno un’autonomia di circa 500 km. La strada verso un’economia dell’idrogeno non è proprio dietro l’angolo, ma la necessità di variare globalmente il nostro modello di sviluppo è impellente.
Quindi ben vengano ricerche che guardano ad un futuro energetico più rispettoso e responsabile, soprattutto se lo fanno gestendo rifiuti inquinanti, frutto, in questo caso, del mero vizio umano.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.