I cittadini americani che hanno votato per la legalizzazione ricreativa della cannabis, non se ne pentono assolutamente. Sono passati ormai diversi anni da quando il Colorado ha messo in moto questo domino di cui non si intravede ancora la fine: era il 2012 quando i cittadini votarono “sì” alla legalizzazione.

Oggi, a distanza di anni, un’associazione ha ben pensato di dare direttamente la parola a chi vive la legalizzazione della cannabis. E il sondaggio realizzato da YouGov, gruppo internazionale di ricerca e di analisi dei dati con sede a Londra, che ha intervistato 32mila americani, non lascia spazio a dubbi.

In Colorado, il 71% degli intervistati ha dichiarato di considerare la legalizzazione un successo, mentre solo il 17% l’ha considerata un fallimento. A Washington, il 65% l’ha considerata un successo, mentre solo il 18% l’ha considerata un fallimento. Numeri che evidenziano come la legalizzazione faccia proseliti se pensiamo che, al tempo dei rispettivi referendum, in Colorado votò per il “sì” il 55% dei cittadini, mentre a Washington il 56%.

Circa due terzi delle persone che vivono in Oregon (69%) e in Massachusetts (67%) ritengono che le leggi siano state più che altro un successo. Questa rimane l’opinione maggioritaria tra coloro che vivono in Nevada (64%), California (59%), Illinois (59%) e Michigan (56%).

Il Maine è l’unico Stato in cui meno della metà (47%) dei cittadini considera la legalizzazione come un successo, mentre non hanno ricevuto abbastanza risposte valide da altri due stati che hanno legalizzato, il Vermont e l’Alaska.

La chiave sono i dispensari?
Secondo un’analisi di Leafly sul tema, è importante sottolineare che la percezione del successo della legalizzazione, vada di pari passo con l’implementazione dei dispensari sul territorio. Colorado, Washington e Oregon, tra i primi a legalizzare, hanno visto la propria rete di dispensari crescere negli anni. Al contrario, nonostante in Maine la legalizzazione sia effettiva, i cittadini stanno ancora aspettando l’apertura dei primi dispensari.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.