AntiproibizionismoHigh timesIn evidenza

Paziente coltiva 2 piante: rischia 6 anni di carcere

Oggi si terrà la seconda udienza del processo che vede imputato il paziente Cristian Filippo

Paziente coltiva 2 piante: rischia 6 anni di carcere
Pazienti, cannabis e repressione. Siamo sempre lì. Con un stato che non c’è quando i malati hanno bisogno del farmaco che li fa stare meglio, ma che diventa subito presente e ingombrante quando c’è da indossare i panni del giudice inflessibile. Un Paese senza memoria che continua a reiterare gli errori commessi senza offrire soluzioni concrete a chi sta male e vive ogni giorno malattie complesse senza intravedere una soluzione.

L’ennesima storia balzata agli onori delle cronache è quella di Cristian Filippo, paziente 24enne di Paola in provincia di Cosenza che aveva iniziato una piccola coltivazione domestica dal momento che non riusciva a recepire la medicina tramite il Sistema Sanitario Regionale. La Calabria, infatti, è una delle tre regioni italiane (insieme a Molise e Valle D’Aosta) che non hanno mai implementando una legge regionale sulla cannabis medica.

PAZIENTE ARRESTATO: RISCHIA 6 ANNI DI CARCERE

Nel giugno del 2019 è stato arrestato e imputato di coltivazione illecita e detenzione di sostanza stupefacente per cessione a terzi. Oggi alle 11 presso il tribunale di Paola si terrà la seconda udienza del processo in cui rischia 6 anni di carcere, a distanza di un anno dalla prima, con il sostegno di Meglio Legale, che gli offre assistenza tramite il lavoro dell’avvocato Gianmichele Bosco, del Foro di Catanzaro.

Prima del processo è stato organizzato un punto stampa, a partire dalle 10.30, alla presenza di Antonella Soldo, coordinatrice di Meglio Legale; Gianmichele Bosco, legale di Cristian Filippo; Ferdinando Laghi, consigliere regionale; Arci Cosenza, l’Associazione Filorosso ’95 ed esponenti del partito +Europa.

Proprio da Meglio Legale sottolineano che al processo di Cristian, paziente affetto da Fibromialgia, sarà ascoltata la testimonianza della dottoressa Mary Angela Siciliano, medico curante di Cristian Filippo.

“Quello che è accaduto a Cristian Filippo, arrestato solo perché ha coltivato due piantine di cannabis per non rivolgersi al mercato nero, è davvero paradossale in una narcoterra come la Calabria. Provando a tradurre la dinamica è come se lo Stato tutelasse il mercato mafioso, dicendo: fuma pure, l’importante è che tu ti rifornisca solo dallo spacciatore perché se coltivi finisci in carcere”, aveva scritto Roberto Saviano su Corriere.it stigmatizzando l’accaduto.

“Non posso mettere in stand-by il dolore e aspettare che il Parlamento si decida a legalizzare la cannabis”, sono state le parole di Cristian questa mattina, prima di entrare in tribunale.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button