Il Canapaio

Patogeni della cannabis

xxx_articles-polvo-blanco_text_5
Percentuali di danno prodotte da insetti o funghi sulle foglie

La cannabis è ritenuta una pianta estremamente forte, in grado di vincere infestazioni di diverse provenienze. In realtà gli organismi che possono attaccare e danneggiare le nostre piante sono piuttosto numerosi, soprattutto dopo che con il proibizionismo si sono fatte irrimediabilmente sparire numerosissime varietà locali, perfettamente adattate a particolari ambienti ed in grado di resistere ai patogeni presenti localmente.

Si è costretti ad importare, sia per la cannabis industriale che per quella da resina, varietà che provengono da climi ed ambienti diversi da quelli in cui verranno utilizzate, non abituate a microclimi differenti, varietà che difficilmente avranno sviluppato le difese necessarie per essere vincenti nel nuovo ambiente.

Solo una selezione continua dei migliori individui, partendo da una base il più larga possibile, può portare alla ricostruzione di piante dotate di difese proprie e che non necessitano di interventi da parte del coltivatore per crescere sane e forti.

La misura migliore è prevenire ogni possibile problema, facendo crescere le piante fornendo loro tutto il possibile (nella giusta misura) perché siano robuste e veloci nello sviluppo, più veloci di quanto gli organismi presenti che potrebbero danneggiarle riescano nel loro intento. I problemi saranno diversi per la canapa industriale da quelli della cannabis da resina, diversi in pieno campo (dove la c. è l’unica specie presente) da quelli di piante isolate,in mezzo ad altri vegetali; diversi da coltivazioni in esterno piuttosto che in serra, e diversi ancora se in interni,con luce artificiale, se si utilizza terra o se si ha un impianto idroponico.

La canapa può essere attaccata da insetti e acari, funghi (muffe), virus, batteri nematodi, altre piante (ad es. l’ orobanche per la c. industriale), protozoi, lumache, artropodi ed animali vertebrati (l’uomo è il più pericoloso). Può subire danni per mancanza di elementi nutritivi o per un loro eccesso, per carenza od eccesso di luce o di acqua, per elementi ambientali inadatti, come troppo freddo o troppo caldo, terreno inadatto per tessitura o Ph, per gas tossici presenti nell’aria o per erbicidi usati dall’uomo. Può essere danneggiata anche dopo la raccolta da muffe (diventando a volte pericolosa per il consumo), insetti od altri animali (roditori, per i semi).

Le misure di controllo possono essere diverse, con diversi gradi di efficacia: oltre alla prevenzione, con un accurata preparazione, pulizia e mantenimento dell’ambiente di crescita e la scelta di varietà resistenti ai patogeni presenti naturalmente, si va da una lotta con mezzi meccanici ad un controllo biologico, con predatori e parassiti dei patogeni, ad una lotta con pesticidi specifici, naturali o realizzati in laboratorio (chimici, di sintesi). É di fondamentale importanza riconoscere rapidamente e con precisione la causa del problema.

Consiglio la consultazione dell’ottimo testo (in inglese) di J. M. McPartland,R.C. Clarke e D.P. Watson: “Hemp Diseases and Pests”, CABI publishing, 2000, dove, oltre ad una dettagliata descrizione dei patogeni, con disegni e fotografie esaurienti,si trovano anche elementi di agronomia con una visione importante per la conservazione del terreno e dell’ambiente.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.