Carlo Giovanardi, nella veste di relatore del decreto Lorenzin sulla droghe in Commisione al Senato, è riuscito a far passare il proprio ordine del giorno, tramite la senatrice Bianconi (Nuovo Centro Destra). L’Odg prevede che in aula al senato, dove il decreto sbarcherà martedì prossimo, venga dibattuta una possibile modifica, volta a reinserire la cannabis sopra ad un certo quantitativo di Thc nella tabella delle droghe pesanti. L’ordine del giorno sarebbe passato grazie a una maggioranza trasversale, che ha coinvolto alcuni senatori del Pd.

Cercando di fare chiarezza in questa situazione parecchio nebulosa che si è andata a creare: al momento – come avevamo scritto poco fa – non cambia niente. Nel senso che il decreto Lorenzin che è stato licenziato dalle commissioni Giustizia e Sanità del senato rimane lo stesso già approvato alla Camera. Quindi con la cannabis nella tabella II, quella delle droghe leggere. L’ordine del giorno approvato però impegna il Senato a dibattere nuovamente la questione prima del voto, che in ogni caso dovrà arrivare entro il 20 maggio. Sicuramente il partito di Alfano e Giovanardi cercherà di far approvare la modifica in questione, rintroducendo di fatto la Fini-Giovanardi appena dichiarata incostituzionale dalla Corte Costituzionale.

COSA POTREBBE SUCCEDERE NEI PROSSIMI GIORNI. Non è certo impossibile che il tentativo di Giovanardi possa riuscire, questo grazie al fatto che al Senato gli equilibri politici sono molto risicati e basterebbe che pochi senatori del Pd votassero insieme al centro-destra compatto per ribaltare la maggioranza. In questo caso il provvedimento modificato dovrebbe però ritornare alla Camera, dove la “coalizione proibizionista” dovrebbe riuscire a convincere oltre 100 parlamentari del Pd. Un’impresa sicuramente molto più difficile, anche se come la recente storia politica insegna, quando c’è il Pd di mezzo tutto è possibile.

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.