omicidio-stradale-1440x900Emanuele, 19 anni, era alla guida della sua auto quando ha perso il controllo ed è finito contro un muretto. A bordo erano in tre, lui e un suo amico se la sono cavata con alcune ferite, mentre il terzo ragazzo, Saby Miceli di diciotto anni, è morto sul colpo. La polizia arrivata sul posto lo sottopone all’alcol-test, che da un risultato di 0,4%, dato dalla birra che Emanuele aveva bevuto.

Una percentuale di alcol nel sangue che non sarebbe neppure considerata guida in stato di ebrezza (il limite è infatti 0,5) ma non per lui che è neopatentato e deve quindi sottostare al limite di o,o per i primi tre anni.

UN MOSTRO GIURIDICO APPROVATO PER DEMAGOGIA. La polizia non può far altro che applicare ciò che prevede la nuova legge sull’omicidio stradale e lo arresta in flagranza di reato. Il giudice dispone immediatamente i domiciliari, ma ora Emanuele dovrà andare a processo accusato di un reato che prevede da 8 a 18 anni di carcere. Subirà inoltre la revoca della patente e l’impossibilità di riottenerla per 15 anni. Praticamente una vita rovinata sull’altare della demagogia securitaria che portò all’approvazione di una norma già denunciata da molti esperti come un mostro giuridico. Una legge che venne approvata con larga maggioranza e salutata come una grande riforma in nome della sicurezza e del diritto delle vittime da Renzi e da tutto il governo.

ASPETTANDO I PRIMI CASI PER CANNABIS. Una norma che però stravolge il diritto, negando il diritto alla riabilitazione del condannato e prevedendo una serie di casi kafkiani come questo: un ragazzo rovinato per aver bevuto una birra. E che in futuro (come abbiamo già descritto approfonditamente in questo articolo) rischia di portare conseguenze analoghe anche per i consumatori di cannabis, che rischiano pene severissime se coinvolti in incidenti gravi, nonostante gli attuali controlli continuino a essere inattendibili, dando positività anche a chi abbia assunto delle sostanze diversi giorni (o anche settimane nel caso della cannabis) prima di mettersi alla guida. Ingiustizia è fatta.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.