Cronache da dietro il cancello

Ordine inverso

img1

Riecco il “vostro” Fratelli vessati, che vi scrive dal continente nero nel tentativo, dopo aver aperto un flusso migratorio al contrario (dall’Europa all’Africa) di sopravvivere al proprio personale tsunami, scatenato dalle torme di gabellieri che ormai padroneggiano sulla penisola italica.

Come forse ricorderete, a seguito di un cruento attacco finanziario, conseguente ad un procedimento penale a mio carico risalente al 2001, mi è stata recapitata una cartella di Equitalia che mi informava di quanto, a conti fatti, lo Stato pretendeva che io pagassi a lor Signori: 700.000,00€!!! Una cifra improponibile, per chi, come me, svolgeva una normale attività lavorativa, nel pieno rispetto di tutte le regole sociali. Della vicenda si sono occupati in parecchi, è apparso in home page del blog di Beppe Gillo un dettagliato rapporto di quanto successo ed è persino venuta la RAI ad intervistarmi per conto di una trasmissione chiamata “Numeri” in onda sul secondo canale nazionale. Che dire Fratelli, mi sono sentito una specie di Forrest Gump mediatico, tuttavia le oggettive difficoltà che derivano da una cosa del genere, mi impedivano di continuare a vivere nel mio Paese, dove ho lasciato TUTTO, in primis un figlio di 15 anni.

Ora, grazie all’opportunità che un amico imprenditore mi ha offerto attraverso un lavoretto qui che mi permette di sopravvivere in Africa, nel tentativo di capire quale sia il modo per rientrare nel mio Paese, senza dover essere macellato dai sicari di quello che io ritengo sia un criminale agguerrito e potente (lo Stato) che ha affidato a bande di criminali minori (i partiti) i soldi che, attraverso tasse, imposte, accise etc estorce ai propri sudditi, perché, fingendo di fare politica, i partiti distraessero noi tutti dalle porcherie che, con la complicità delle banche, perpetrano quotidianamente a nostre spese. Poiché per ingordigia e stupidità, questi soldi sono stati usati per pagare banchetti, auto di lusso e vacanze five stars etc, adesso, lo Stato sta mandando i propri sicari (magistrati, guardia di finanza, equitalia etc) a riscuotere.

Vi sembra troppo nero il quadro che ho dipinto? Forse l’influenza del continente in cui mi trovo travisa la mia capacità di discernimento? Chissà? Fatto sta che se fossi rimasto nel Paese dove sono nato e che ancora amo, la mia fine sarebbe stata molto prossima e abbastanza prevedibile, o schiavo o galera, cosa che in nessun caso avrei potuto accettare e probabilmente sarei andato ad ingrossare la schiera di coloro che, come leggo anche da qui, sempre più numerosi decidono di abbandonare definitivamente lo sporco gioco a cui vi stanno costringendo.

Smentitemi Fratelli, con argomentazioni oggettive ed io ne sarò felice.
Nel frattempo cercherò di sopravvivere in pace e come meglio posso in un Paese che, almeno per ora non mi sta discriminando.

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.