afghan-children (2)Non potevo fare altrimenti….Avrei messo a rischio la vita di altri milioni di bambini“.
Con questa sconcertante dichiarazione, il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha giustificato la decisione di annullare l’inserimento dell’Arabia Saudita, e dei paesi a lei alleati nella guerra in Yemen, nella lista dei paesi colpevoli di crimini di guerra nei confronti dei bambini.

Se non bastasse, poi, il rapporto alla base della precedente condanna verrà rivisto con la “collaborazione” degli interessati. È come se si chiedesse ad un assassino di partecipare alla pari con gli investigatori a decidere se ha commesso o meno un delitto.

“È stata una decisione dolorosissima, ma inevitabile. Mi è stato fatto capire che, altrimenti , sarebbero venuti meno i fondi ed i contributi a tanti nostri progetti di aiuto nei confronti dei minori in difficoltà nel mondo”. Arabia Saudita e paesi del Golfo sono contribuenti ricchi e danarosi. Non si può fargli “torto”.

Ed allora meglio chiudere un occhio, smorzare i toni… Poco importa quel migliaio di bambini yemeniti restati schiacciati sotto i bombardamenti delle loro scuole o storpiati per sempre dalle bombe a grappolo usate abbondantemente dall’alleanza saudita.

Una vicenda vergognosa e gravissima! Un mercato delle vacche sulla pelle dei diritti umani. Un precedente pericolosissimo che spingerà altri paesi ad agire allo stesso modo per sfuggire ad ogni tipo di sanzione.

L’ennesima prova della crisi davvero oramai irreversibile di queste Nazioni Unite.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.