afghan-children (2)Non potevo fare altrimenti….Avrei messo a rischio la vita di altri milioni di bambini“.
Con questa sconcertante dichiarazione, il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha giustificato la decisione di annullare l’inserimento dell’Arabia Saudita, e dei paesi a lei alleati nella guerra in Yemen, nella lista dei paesi colpevoli di crimini di guerra nei confronti dei bambini.

Se non bastasse, poi, il rapporto alla base della precedente condanna verrà rivisto con la “collaborazione” degli interessati. È come se si chiedesse ad un assassino di partecipare alla pari con gli investigatori a decidere se ha commesso o meno un delitto.

“È stata una decisione dolorosissima, ma inevitabile. Mi è stato fatto capire che, altrimenti , sarebbero venuti meno i fondi ed i contributi a tanti nostri progetti di aiuto nei confronti dei minori in difficoltà nel mondo”. Arabia Saudita e paesi del Golfo sono contribuenti ricchi e danarosi. Non si può fargli “torto”.

Ed allora meglio chiudere un occhio, smorzare i toni… Poco importa quel migliaio di bambini yemeniti restati schiacciati sotto i bombardamenti delle loro scuole o storpiati per sempre dalle bombe a grappolo usate abbondantemente dall’alleanza saudita.

Una vicenda vergognosa e gravissima! Un mercato delle vacche sulla pelle dei diritti umani. Un precedente pericolosissimo che spingerà altri paesi ad agire allo stesso modo per sfuggire ad ogni tipo di sanzione.

L’ennesima prova della crisi davvero oramai irreversibile di queste Nazioni Unite.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.