Antiproibizionismo

Onda antiproibizionista

MarijuanaMarch

Almeno 20 miliardi di euro il fatturato annuo garantito alla criminalità organizzata italiana dal mercato illegale delle droghe proibite, nonostante le decine di migliaia di forze di polizia impiegate e i miliardi di euro spesi.

Quattro milioni di consumatori abituali, quattrocentomila piccoli spacciatori, oltre ottocentottanta mila persone coinvolte in procedimenti penali e amministrativi per possesso di droga, ventottomila detenuti per violazione della legge sugli stupefacenti. È la fotografia italiana dei costi civili, economici e sociali delle politiche proibizioniste sulle droghe. Senza dimenticare i danni alla salute provocati dalla droga cattiva e dalla criminalizzazione del drogato.

Basterebbero questi dati per imporre un dibattito nell’opinione pubblica, a cominciare dalle classi dirigenti, per affrontare l’urgenza di una radicale inversione di rotta.

Invece no, c’è concesso un paio di volte l’anno di vedere da Vespa pontificare Giovanardi in una puntata dove l’unica alternativa consentita è “favorevole o contrario al consumo di droga?”. E anche sui giornali, se ne parla solo nel momento in cui accade il fatto di cronaca nera, con il “drogato” che viene sbattuto in prima pagina proprio nel momento in cui è più debole, privato della sua identità per rappresentare una categoria impersonale.

Finisce così che si venga arrestati per aver acquistato semi di canapa, condannati ad anni di galera per pochi grammi, con migliaia di immigrati costretti ad essere “clandestini” e passare da una condanna per aver venduto cd pirata a quella per spaccio.

In realtà, mai come oggi i proibizionisti sono deboli, non hanno futuro.

Pensateci, sono appesi a Gasparri, ad un Giovanardi che non si sente ridicolo neanche quando si vanta di aver dimezzato in due anni il consumo di droga in virtù di una indagine statistica che ha visto l’88% degli interpellati non rispondere alle domande. Basta che Vasco scriva la nuda verità sul suo profilo facebook per farli tremare.

Il momento che sta vivendo l’Italia è di quelli per cui può davvero succedere di tutto: può arrivare il peggio, oppure esplodere, tutta insieme, la ragionevolezza delle riforme.

Accadde già negli anni ’70, quando in un pugno di anni si ottenne il divorzio, la riforma del diritto di famiglia, l’obiezione di coscienza, il voto ai diciottenni, la chiusura dei lager manicomiali, l’aborto. Oggi può accadere lo stesso, anche una svolta antiproibizionista. Non dimentichiamo che già nel 1993 abbiamo nuovamente sorpreso il mondo allorché il 54% degli italiani disse si al referendum contro il carcere per i consumatori di droga.

A livello internazionale, intanto, di fronte ad un consumo di oppiacei che per l’Onu è salito del 35 per cento in 10 anni, raggiungendo quota 17,35 milioni di persone, quello di cocaina del 27% (17 milioni) e quello di cannabis dell’8,5 % (160 milioni), è accaduto il fatto nuovo della Global Commission on drug policy. Che un ex Segretario generale dell’Onu e decine tra le più autorevoli personalità della politica, dell’economia e della cultura dichiarino il fallimento del proibizionismo e si propongano la riforma delle convenzioni internazionali non è cosa da poco.

C’è un’onda che si muove e può spingere anche noi italiani, a patto di volerla cavalcare.

Il proibizionismo non funziona e non conviene, è una forma di repressione sociale di massa che provoca morte e garantisce fiumi di denaro a terrorismo e narcomafie.

Per batterlo, noi abbiamo voluto offrire a tutti un’occasione per stare insieme ed organizzare il “da fare”. E allora, ritroviamoci a Roma dal 22 al 24 settembre.

Ti aspettiamo…

Mario Staderini
Segretario Radicali Italiani

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.