A Lisbona la principale compagnia di autobus ha convertito un’intera flotta da diesel a biodiesel ricavato dall’olio da cucina esausto. Nato da un’iniziativa congiunta tra le società Carris e Prio, il progetto “Powered by Biodiesel” ha preso il via nella Capitale lo scorso luglio.

Se gettato nello scarico, nei corsi d’acqua o in mare, l’olio da cucina esausto rappresenta una grave minaccia ambientale: galleggiando sulla superficie dell’acqua, impedisce il normale scambio di ossigeno con l’esterno e un solo litro può rendere non potabile fino a 1 milione di litri d’acqua. Al contrario, se correttamente recuperato e riutilizzato, esso può rivelarsi una preziosa risorsa, sia in termini ambientali che economici.

L’iniziativa portata avanti nella capitale portoghese è solo un’ulteriore conferma dell’approccio circolare in ambito degli oli esausti.

Con questo progetto, Carris è stata in grado di sostituire immediatamente l’uso di combustibili fossili senza costi di capitale aggiuntivi, poiché gli autobus sono gli stessi e non hanno avuto bisogno di adattamenti, ha detto Proenca. Quest’anno il governo portoghese ha stabilito un aumento obbligatorio dell’uso di biocarburanti dal 7% al 10%.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.