Barack_ObamaBarack Obama si trova ufficialmente nella sua ultima settimana da presidente degli Stati Uniti prima di passare il testimone al repubblicano Donald Trump, che giurerà il prossimo 20 gennaio, ma non ha ancora smesso di cercare di far approvare i suoi ultimi atti.

Tra questi c’è anche la grazia che il presidente vuole concedere a migliaia di cittadini detenuti per crimini non violenti, molti dei quali per possesso o piccolo spaccio di droga.

Il dipartimento di Giustizia Usa ha infatti annunciato di aver completato l’esame di 16 mila domande di clemenza presentate da altrettanti detenuti delle prigioni federali nell’arco degli ultimi due anni, e di aver inviato raccomandazioni al presidente per la commutazione di centinaia di sentenze legate a reati non violenti.

Mentre molti stati degli Usa hanno intrapreso negli ultimi anni la via della legalizzazione o della depenalizzazione delle droghe leggere, molti altri stati continuano infatti a prevedere pene molto dure per lo spaccio, che possono arrivare fino all’ergastolo.

Il presidente Obama ha fatto della clemenza verso i reati non violenti uno dei propri cavalli di battaglia e nel corso dei suoi otto anni di mandato ha concesso la grazia a 1.324 detenuti, ricorrendo in modo sistematico (oltre 50 volte il suo predecessore George W. Bush) al potere concessogli dalla costituzione americana.

Gli ultimi provvedimenti in questo senso erano stati presi appena un mese fa, quando Obama aveva concesso la grazia a 78 detenuti e il commutamento della pena ad altri 153, tutti in carcere per reati connessi al possesso di droga. Ora, con questa ultimo provvedimento, pare voler dare anche un segnale politico al suo successore, affinché non intralci i passi fatti in questi anni, pur tra tanti limiti, per rendere gli Usa un paese meno repressivo verso i crimini non violenti.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.