EcovillaggiLifestyle

Nel post-pandemia è boom di ecovillaggi

Con la pandemia sono cresciute le persone interessate a questo stile di vita. Ecco cosa aspettarsi, tra duro lavoro e miti da sfatare

Quanti nell’ultimo periodo hanno pensato di cambiare vita? Andare all’estero, prendere un van, trasferirsi dalla città alla campagna?

Una delle alternative che molti hanno preso in considerazioni sono gli ecovillaggi.

Questi luoghi così ricchi di pregiudizi: ”Ci stanno gli hippy o i comunisti”, “Si fuma dal mattino alla sera e si fanno cose indicibili dentro!”, “Son sette, isole felici….”. In questi anni in cui racconto queste realtà comunitarie le ho sentite e ne ho lette di tutti i colori.

Nel post-pandemia è boom di ecovillaggi
L’ecovillaggio a Pedali, in Umbria, costruito con i principi della bioedilizia

In verità la vita qui è molto impegnativa: ci sono i ritmi della terra, che non stanno ad aspettare quelli umani, l’essere in relazione con altre persone 24 su 24, 7 giorni su 7, persone con abitudini, stati d’animo e approcci che possono essere diversi dal mio, e l’equilibrio da trovare tra bisogni individuali e bisogni comunitari. Solo per dire tre grandi sfide del vivere comunitario.

MA PARTIAMO DALL’INIZIO: COS’È UN ECOVILLAGGIO

Un ecovillaggio è una forma di comunità intenzionale: un gruppo di persone che ha un sogno, un’intenzione e una visione condivisa. Ogni gruppo di persone, quindi ognuno degli oltre 100 ecovillaggi in Italia, ha un proprio sogno e soprattutto una propria modalità per raggiungerlo. Questo significa che ciscuno è diverso dall’altro: ci sono quelli con un’economia totalmente in comune, altri con un’economia mista, alcuni possono fare dell’agricoltura la principale fonte di sostenibilità economica, mentre altri il fare corsi di formazione.

Possiamo però dire, come dice la parola stesso eco-villaggio, che queste realtà condividono alla base un desiderio di sostenibilità ambientale, di ecologia, di aggregazione, di vita lenta e di stare a contatto con la natura.

Per me l’ecovillaggio è un laboratorio dove si sperimentano quotidianamente nuove forme decisionali, agricole, economiche, di gestione del conflitto, di proprietà. Alcuni di queste esperimenti vanno a buon fine e si diffondono in maniera forte, penso al mondo della facilitazione che sta contaminando anche il mondo delle aziende o all’autoproduzione, mentre altri falliscono.

Posso e possiamo solo essere felici se l’interesse verso questi laboratori è in crescita.

Basta vedere il numero di post e iscritti nei gruppi Facebook sull’argomento oppure chiamare un qualsiasi ecovillaggio e farsi raccontare della mole di mail e chiamate di persone interessate a questo stile di vita.

Ecovillaggio Borgo Melesi
Borgo Melesi, vicino a Fidenza

E a te perché interessa il mondo degli ecovillaggi? Cosa ti spinge a voler vivere questa esperienza?  

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button