In evidenzaIndustriale

Le nuove Nike di canapa: più greenwashing che sostenibilità

Nike in canapa color crema con simbolo della Nike in azzurro

Canapa e materiali riciclati per la nuova linea di Nike che comprende la riedizione di due modelli classici del marchio: le Nike Air Force 1 Low e le Nike Blazer Mid.

Entrambe prevedono l’etichetta “Hemp” ben visibile sulla scarpa. La capsule collection prende il nome di “Move to Zero” perché, nelle intenzioni dell’azienda, è un tipo di produzione che mira a produrre “zero carbonio, zero rifiuti”, proprio grazie alla canapa e ai materiali riciclati presenti. “Move to zero” è infatti un progetto inaugurato nel 2020 dal brand, proprio per cercare di puntare sulla sostenibilità.

NIKE DISTRUGGE LE SCARPE  NUOVE RESTITUITE DAI CLIENTI INVECE CHE RICICLARLE? 

Ma il tentativo del brand non sembra essere sufficiente invertire la tendenza. A fine 2021 diversi media tedeschi hanno pubblicato un’inchiesta che svelava che, invece di rivenderle, la Nike avrebbe ha distrutto le scarpe nuove restituite dai clienti.

Da quanto riportato da Greenme.it, «i giornalisti hanno chiesto spiegazioni alla Nike e un portavoce dell’azienda ammette almeno che i resi che mostrano segni di possibili danni o di utilizzo vengono distrutti e riciclati». Secondo la testata, «facendo riferimento a dei semplici segni, l’azienda apre un ampio spazio di interpretazione. Inoltre ha negato che le scarpe nuove e impeccabili siano distrutte, ma vengono rimesse sugli scaffali».

«Tuttavia l’ultimo segnale proveniente dai GPS delle scarpe nuove restituite dai giornalisti è arrivato da un’azienda di riciclaggio dei rifiuti. Secondo voi queste scarpe puzzano di greenwashing?», si chiedono. Ed è la stessa domanda che ci poniamo anche noi.

Il mercato delle scarpe da ginnastica da una parte è uno dei più redditizi per la moda, ma dall’altra può avere conseguenze pessime per l’ambiente. Secondo Linkiesta «solo nel 2019 sono state immesse sul mercato 4,3 miliardi di paia di sneaker. In pratica 66 milioni di calzature ogni giorno. Questa produzione è responsabile di un quinto dell’impatto ambientale dell’intera industria della moda e genera l’1,4% delle emissioni globali di carbonio riversate sul pianeta. La stragrande maggioranza delle calzature prodotte finisce in discarica, dove si assestano componenti di derivazione petrolchimica, come l’etilene vinil acetato, sostanza che impiega secoli a degradarsi».

Fonte: canapaindustriale.it

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button