Leggere certi articoli, anche per chi è ormai abituato ad ogni genere di bufala e mistificazione, fa più che altro tenerezza. Perché ci immaginiamo il solerte giornalista che corre dal caporedattore con il pezzo dal tono scandalistico appena finito, sperando di alzare un polverone nella città dove il proprio giornale viene pubblicato, grazie ad “una nuova droga” per “il super sballo”, come titola l’articolo del 29 gennaio della Gazzetta di Mantova.

Sul super sballo, a parte la terminologia utilizzata che evidenzia il maldestro tentativo di creare sempre del sensazionalismo gratuito, si può anche essere accordo, nel senso che il wax, uno tipo di estratto che solitamente si crea con l’uso di un solvente con concentrazioni di THC che possono arrivare anche oltre l’80%, è particolarmente indicato per i consumatori che cercano un effetto potente ed immediato.

Sulla “nuova droga” lasciamo a voi il giudizio. Anche volendo capire il tentativo del giornalista di voler creare scandalo a tutti i costi, definire la cannabis come una nuova droga, è come definire una nuova e terribile sostanza “la THC”, come aveva fatto tempo fa un telegiornale della RAI. La cannabis è una sostanza che l’umanità conosce ed utilizza da migliaia di anni. L’unica novità, molto relativa, visto che sono sistemi di estrazione in voga ormai da anni, è forse il prodotto in sé, che negli stati americani in cui la cannabis è legale, viene venduto tranquillamente nei negozi.

Per anticipare il prossimo articolo sul tema, che potrebbe essere “la nuova terribile droga, il THC in cristalli”, diamo nuovamente notizia che negli Stati Uniti vengono prodotti anche cristalli puri di THC con principio attivo al 99,9%.

Ad ogni modo l’articolo si conclude spiegando che il malcapitato fermato a Quintogele, nel mantovano, è stato segnalato alla prefettura per il possesso di meno di un grammo di cannabis e di uno 0,1 di wax, quantitativo che non è nemmeno sufficiente per un singolo dab. Non solo, perché le forze dell’ordine hanno ritenuto opportuno procedere anche con una perquisizione domiciliare, in cui sono stati rinvenuti ben 1,67 grammi di marijuana!

Insomma, una notizia di cui non avrebbe parlato nessuno, se nel titolo dell’articolo non fosse stata presente l’espressione “La nuova droga per il super sballo”: un nuovo giornalismo per una super disinformazione.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.