Contro-informazione

Non paghiamo! Anche in Italia il movimento contro il caro bollette

Nato in UK, il movimento Non paghiamo ha già raggiunto 200 mila persone che non pagheranno le bollette in segno di protesta

Non paghiamo
Nel Regno Unito, dove è nato il movimento Non paghiamo, le bollette domestiche costano in media più di 4.000 euro all’anno.

È nata in Inghilterra ma è arrivata fino in Italia la campagna di disobbedienza civile Don’t Pay, un movimento nato dal basso e che si impegna contro il rincaro delle bollette invitando a protestare in un modo molto semplice: non pagando. Don’t pay, come piega il sito dell’iniziativa, nasce da un gruppo di amici che un giorno hanno stampato 20 mila volantini e li hanno distribuiti a una dimostrazione sindacale il 18 giugno scorso. Il risultato è stato eccezionale: in pochi mesi hanno aderito quasi 200 mila persone.

CARO BOLLETTE IN TUTTA EUROPA

La crisi energetica sta colpendo tutta Europa, e in Gran Bretagna è parecchio aspra, con le famiglie che sono costrette a pagare oltre quattromila euro all’anno per riscaldare e illuminare le proprie abitazioni: si tratta, in media, del 10 per cento del reddito annuale di un cittadino del Regno Unito. Il conflitto tra Russia e Ucraina non accenna a risolversi e le conseguenze possono essere disastrose per tutta l’Europa.

La campagna Don’t Pay punta a raggiungere un milione di adesioni e arrivare così a gettare sulle compagnie energetiche un buco di incassi mensile di oltre 300 milioni di euro: questo le costringerebbe a scendere a patti e mettere fine alla politica di rincari ai danni dei cittadini. Don’t Pay invita i governi a stabilire un tetto massimo del prezzo dell’energia e del gas, ai livelli dell’aprile 2021. E a sospendere ogni sussidio alle industrie di combustibili fossili, che invece sono raddoppiati a livello mondiale nel 2021.

NON PAGHIAMO, ANCHE IN ITALIA

Nel frattempo, il movimento Don’t Pay è arrivato fino in Francia, Germania, Italia. Da noi, i social stanno vedendo la crescita della campagna Non paghiamo, che ha lo scopo di raggiungere un milione di adesioni entro il 30 novembre. Finora, sono 4.500. “Se verremo ignorati, il 30 novembre sospenderemo il pagamento di tutte le bollette”, si legge sul sito. “Sono 6 mesi che il governo si impegna nel sostenere la guerra e i finanziamenti agli armamenti piuttosto che adoperarsi per allestire tavoli diplomatici per provare a giungere ad una risoluzione nonviolenta del conflitto e per mantenere le forniture di gas dalla Russia”. In Italia, il Decreto bollette ha finito per fare gli interessi di Eni prima che dei consumatori.

“Senza un’inversione di rotta, si prospetta un inverno in cui ci troveremo a non riuscire a pagare le bollette del gas e della luce, a casa, negli ospedali, nei luoghi di lavoro, ma anche a scuola, negli impianti sportivi, ovunque”, continua l’appello di Non paghiamo. “In particolare, senza un intervento pubblico su scala europea attraverso prezzi amministrati in grado di contrastare la speculazione, l’appropriazione di extraprofitti, l’escalation della guerra, non è possibile invertire la rotta. Soprattutto, occorre un programma di emergenza per la transizione ecosocialista, in grado cioè, sia di ridurre definitivamente il costo delle bollette per tutti i ceti popolari, sia di favorire progressivamente l’allontanamento definitivo dalle fonti fossili a favore delle fonti rinnovabili e della riduzione complessiva ed efficace nel consumo di energia”.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button