whiskeydogsandweeCentinaia di cani hanno assunto cannabis accidentalmente negli Stati Uniti. Si sono quasi tutti ripresi bene. In molte case americane si trovano dolcetti psicoattivi al THC. Cani, gatti e bambini rischiano quindi di compiere inaspettate esperienze cannabinoidi. Le nuove normative impongono confezioni non facilmente apribili, e in presenza di minori le cautele adottate hanno evitato casi gravi di assunzione accidentale. Ma Fido sfugge facilmente al controllo del padrone, forza le chiusure ermetiche e si pappa  i pot brownies. Per altre notizie sul cibo cannabinoide americano c’è questo nostro articolo.

Il sistema endocannabinoide degli animali li rende tutti sensibili agli effetti anche indesiderati della cannabis. La medicina veterinaria sta cominciando a somministrare CBD agli animali domestici in difficoltà di salute con ottimi risultati, come abbiamo anche raccontato in questo articolo su cannabisterapeutica.info. C’è sicuramente un futuro anche per la cannabis veterinaria, ma gli effetti del THC sugli animali possono risultare maggiormente avversi rispetto agli umani. Il sistema endocannabinoide dei cani è molto sviluppato e quindi sono sensibili più di altri animali a CBD e THC.

La dose lebowwowtimestale di THC puro per un cane è attorno ai 3 grammi/kilo, quindi la morte per intossicazione è praticamente impossibile. Dipende però dalle modalità di assunzione e dal tipo di prodotto: un fiore fresco non è la stessa cosa di un burro concentrato. Gli  effetti possono essere pericolosi e alcuni cani muoiono soffocati dal proprio vomito, che tra l’altro è  reso difficoltoso dall’azione antiemetica della cannabis. Il rischio sovradosaggio per via alimentare è alto, come lo è per l’uomo. Gli effetti sui cani vanno dall’incontinenza alla letargia anche profonda, problemi respiratori, bassa pressione sanguigna, aritmia cardiaca, perdita di equilibrio e coordinamento motorio. Un quarto dei cani mostra segni di irrequietezza, ansia e disagio, mentre la maggior parte tende all’inattività. Le normali coccole, tranquillità e un giorno di recupero hanno solitamente risolto le intossicazioni senza conseguenze sulla vita dell’animale. Alcuni si sono però feriti durante lo sballo.

crdownloadYouTube Stoned Dogs. Il  tragicomico spettacolo dei cani sotto l’effetto di cannabis. Sonnolenza e difficoltà di movimento causate dall’assunzione incontrollata di cannabis sono inaspettate nell’animale e l’uomo ne ride. Se in alcuni casi la videocamera è stata accesa solo alla scoperta del fattaccio, difficile pensare che alcuni video non siano stati preparati e il dolcetto proposto perfidamente all’animale. Nel caso di questo piccolo cane l’effetto è decisamente letargico e i padroni si commuovono dal ridere. Questo Dogo Argentino ha perso completamente qualsiasi velleità combattiva. In un video divenuto virale la padrona non riesce a trattenersi dal ridere di Thor, il proprio cane che ha mangiato 20 dollari di erba e ora è visibilmente stonato. In un altro episodio la coppia discute seriamente di cosa può passare per la testa del cane che appare in viaggio per altri mondi e sul finale rifiuta pure il contatto col padrone. Arriviamo infine alla tortura con questo video di un imbecille che si fuma una canna in macchina insieme ai cani coi finestrini chiusi.

cannamagazineFumo passivo. La comunità cannabica mondiale si divide sulla possibilità di un uso ”ricreativo” della cannabis per gli animali domestici. C’è chi ritiene che a piccole dosi l’erba medicinale possa aumentare il loro comfort e chi è contrario perché l’uso di cannabis non appartiene alle abitudini degli animali, com’è invece per l’erba gatta e altri vegetali psicotropi. Un segnale, dicono i sostenitori degli stoned pets, è il comportamento dell’animale: se resta nell’ambiente dove viene bruciata cannabis significa che ne apprezza a piccole dosi l’inalazione passiva. “Altra ricerca è necessaria” scrivono sempre al termine degli studi scientifici.

 

 

Image credits:

whiskeydogsandweed.blogspot.com/

cannamagazine.com

bowwowtimes.com





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.