La medicina è una materia piuttosto complessa e utile per la nostra società, anche se a me sembra che sul piano filosofico abbia una concezione dell’essere umano piuttosto semplicistica: ho come l’impressione che consideri l’essere unicamente come corpo e identifichi il bene esclusivamente con il suo “funzionamento”, aggiungendo che tanto più è un bene, quanto più a lungo un corpo funziona.

Credo che la versione parossistica e anche un po’ degenerata di tale concezione potremmo rintracciarla in certi casi di accanimento terapeutico in cui la sacralità della materia deve essere difesa anche contro il desiderio della psiche che la abita.

A mio avviso la medicina ha un grosso limite che forse non è stato considerato in questo periodo di emergenza: non risolve il problema della morte, semplicemente lo posticipa. Secondo Freud la morte è un qualcosa di irrappresentabile: ogni volta che cerchiamo di immaginarla finiamo per farlo sempre come spettatori e mai come attori principali, mai come un qualcosa che ci investe in prima persona, per questo, aggiunge, la scuola psicoanalitica ha affermato che non c’è nessuno che crede alla propria morte, ognuno di noi è inconsciamente convinto della propria immortalità.

Se ammettiamo anche noi questa ipotesi, potremmo allora dire che questa convinzione inconscia è ciò che rende vivibile la vita; la pena più atroce di un condannato a morte non è tanto quella di dover morire, condizione analoga alle persone libere, ma quella di dover pensare quotidianamente a un qualcosa che non può essere inglobato nell’economia psichica, la pena di morte è il risveglio dal sogno dell’immortalità.

Come società, in questo periodo abbiamo vissuto parzialmente questo risveglio, e purtroppo una volta superata l’emergenza sanitaria la nostra condizione ontologica rimarrà pressoché invariata, arriverà un giorno in cui la medicina non avrà la soluzione al nostro problema: anche noi dovremo morire.

Per una società materialistica, pragmatica, anche piuttosto superficiale, che orienta ogni azione all’utile, la fine del corpo è davvero la fine, perché oltre il corpo non c’è niente. Il vero problema però è che in tale contesto viene considerato privo di valore tutto ciò che “non si tocca”, la filosofia ad esempio, che per secoli ha trovato soluzioni efficaci a problemi insormontabili, è stata relegata nel campo delle scienze inutili o, al meglio, al pari del piacere immaginario del racconto di una fiaba.

Una di queste fiabe narra la storia di un uomo che di mestiere faceva lo schiavo in epoca romana, secondo il quale l’infelicità deriva da una errata concezione di ciò che è in nostro potere e ciò che non lo è: è in nostro potere la nostra opinione, il nostro desiderio, la nostra avversione. Non è invece in nostro potere il nostro corpo, non siamo noi a decidere di essere alti, bassi, biondi, neri; non è in nostro potere il nostro patrimonio, la nostra reputazione, la fedeltà di nostra moglie e così via. Queste cose, visto che non sono in nostro potere, non ci riguardano. Se ci dedicheremo solo alle cose in nostro potere, nessuno ci danneggerà, nessuno ci sarà nemico, perché non subiremo alcun danno. Padrone di qualcuno è colui che ha il potere di procurargli o togliergli ciò che vuole o non vuole, chi vuole essere libero quindi non fugga ciò che è in potere di altri, altrimenti è inevitabile che sia schiavo. Non ci fa violenza chi ci insulta o percuote, ma il giudizio che costoro ci facciano violenza.

Se ci pensiamo, noi applichiamo inconsapevolmente il nucleo di questi principi ogni volta che qualcosa ci turba, quando poi in un secondo momento, il nostro turbamento si ridimensiona: a cambiare non è stata la cosa che ci ha turbato ma il nostro giudizio nei confronti di essa. Siamo semplicemente intervenuti nel territorio in nostro potere, che è quello giusto.

Questa è la fiaba di uno schiavo di nome Epitteto, che ci offre la chiave della libertà interiore e che potremo leggere quando la medicina non saprà più cosa fare del nostro corpo. L’accettazione di ciò che non è in nostro potere, per quanto difficile possa essere, renderà il nostro animo più sereno. A quel punto la morte, in maniera molto più concreta del nostro sogno di essere immortali, potrà davvero diventare qualcosa che non ci riguarderà.

 

a cura di Giordano Proietti





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.