Hi-Tech e web

No alle foto online dei propri figli, ecco perché

o-BAMBINI-SI-COPRONO-GLI-OCCHI-facebook

Viene considerato sempre più normale pubblicare su Facebook le foto dei propri bambini, dalle loro prime ore di vita alle vacanze con la famiglia. Si pensa che questo tipo di condivisione rimanga nella stretta cerchia degli “amici“. Ma non è affatto così ed è bene che ogni genitore ne sia consapevole.

Qualsiasi padre o madre sa con quale piacere immortaliamo tutti i momenti dell’effimera giovinezza dei nostri bambini e quanto forte sia il desiderio di condividere con gli amici e la famiglia questo affetto profondo. E internet sembra essere lo strumento perfetto, per rispondere al meglio a queste esigenze.

Ma prendersi cura del futuro dei propri figli dovrebbe includere anche il rispetto delle loro scelte riguardo alla riservatezza. Scelte che un giorno compiranno. Ma se quel giorno in rete si saprà già tutto di loro, sarà troppo tardi.

Facebook ha già introdotto, negli Stati Uniti, un sistema automatico di riconoscimento facciale, che provvede da solo ad individuare i volti delle persone nelle foto, senza bisogno che siano “taggati” da qualcuno. Questo consentirà al social network – e quindi a chiunque – di mettere in correlazione le immagini con i fatti della vita reale, con scarso controllo da parte delle persone interessate.

Tra gli adulti che conosciamo, ce n’è sempre un’ampia quota che non vuole stare su Facebook, o che ci sta inserendo pochissime informazioni personali, perché preferisce un certo grado di riservatezza. E se tuo figlio o tua figlia, da grande, fosse una di quelle persone così? Non avrebbe più alcuna possibilità di scelta.

Oltre a Facebook, sono sempre di più i siti, i software e le applicazioni che consentono di condividere foto e video e/o che fanno ricorso a sistemi di riconoscimento facciale. Già sono stati sviluppati software che consentono di ricavare il nome di una persona inquadrandola col telefono e un giorno lo faranno accessori come Google Glass, gli occhiali per la realtà aumentata.

Entrare in questo sistema che consente a tutti di sapere chi siamo e cosa facciamo, che possa piacere o meno, è un modo per dare forma al karma digitale che marcherà la nostra presenza nel mondo. Ma se vogliamo educare nella libertà i nostri figli, lasciamo che siano loro a deciderlo.

Per condividere online le foto dei compleanni e delle vacanze, il mio consiglio tecnico è di non usare Facebook, dove le foto saranno viste da molti a cui non interessano affatto e che potranno a loro volta essere condivise senza il nostro consenso. Inoltre, sono a bassa risoluzione. Meglio Google Picasa, dove si può scegliere di tenere un album del tutto privato e condividerlo solo con le persone effettivamente interessate.

fonte: zeninthecity.org





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.