Davanti all’ennesimo fallito tentativo di disciplinare normativamente la canapa light, è esplosa (e giustamente) la delusione dei proponenti gli emendamenti platealmente bocciati.

Non innovare la legge 242 del 2016, significa, da un lato, lasciare inalterata una delle leggi più sgangherate concepite negli ultimi anni e, dall’altro, perdere una grande occasione di superare una situazione di palese incertezza normativa e giuridica e favorire lo sviluppo economico. Abbiamo necessità di una legge chiara, che precisi e meglio individui il ruolo del coltivatore, anche come imprenditore commerciale del settore canapa e che, allo stesso tempo, finalmente definisca in modo preciso il ruolo del commerciante dei prodotti derivati dalla coltivazione.

Abbiamo necessità di un intervento che superi quell’attuale ipocrisia interpretativa, che è culminata nella sentenza delle SSUU n. 30475/19, la quale omettendo di definire minimamente il concetto di efficacia drogante (lasciando assurdamente ai giudici di merito il compito di riempire di significato tale locuzione) ha ingenerato uno stato di ingiustizia e confusione. Non vi è la volontà di sanare un equivoco di fondo che deriva da più gravi omissioni.

La prima concerne l’assenza di una previsione espressa, nell’ambito dell’elenco di cui all’art. 2 delle infiorescenze. La seconda riguarda, poi, il consequenziale silenzio in ordine al fenomeno della commercializzazione delle infiorescenze stesse.
Ove il distratto legislatore avesse disciplinato anche il segmento del commercio delle infiorescenze (come avrebbe dovuto naturalmente essere), si sarebbe ovviamente dovuto armonizzare i limiti percentuali di THC oltre i quali ravvisare l’efficacia drogante del prodotto. Si sarebbe dovuto, quindi, ovviare normativamente alla lacuna della mancata fissazione legislativa del discrimine fra sostanza lecita e sostanza illecita.

Allo stato attuale non vi sono certezze solo che si pensi alla circostanza che la L. 242/2016 evoca due limiti di THC (0,2% e 0,6%) che si riferiscono solamente alla coltivazione, che non sono applicabili alla commercializzazione e che risultano non armonizzati e armonizzabili con quel dato scientifico (lo 0,5%) che attiene al discrimine fra sostanza psicoattiva e non.

Un simile semplicissimo e logico intervento avrebbe permesso di superare quegli indirizzi proibizionistici che permeano quotidianamente le pronunzie della Corte di Cassazione (e di troppi giudici di merito) e che si risolvono in affermazioni errate, illogiche, che appaiono palesemente disancorate dalla fenomenologia e dalla letteratura scientifica.

In questo contesto di ignoranza, ignavia e disinteresse troppi seri imprenditori in questi quattro anni si sono trovati in mezzo al guado. Troppi seri imprenditori dal 2016, una volta esploso il fenomeno della canapa light, si sono trovati (e tuttora si trovano) a vivere l’umiliazione di essere indagati, in virtù della sola colpa di avere lavorato seriamente e di non essere stati creduti nella propria protesta di correttezza da forze dell’ordine e dalla magistratura.

Non è concepibile che intervengano sequestri di merci ritenute illecite e stupefacenti (puntualmente confermati da Tribunali e dalla Cassazione) cui puntualmente, invece, seguono archiviazioni ed assoluzioni. Stiamo, così, vivendo una situazione assai frustrante, dove anche gli indagati più preparati e scafati preferiscono cercare strade politiche e difensori politici, piuttosto che continuare battaglie giudiziarie e tecniche.

Siamo forse alla resa del diritto di difesa dinanzi allo strapotere dell’Inquisizione.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.