CannabisHigh times

New York, dopo anni di tentativi per la legalizzazione della cannabis forse è la volta buona

New York, dopo anni di tentativi per la legalizzazione della cannabis forse è la volta buonaNel panorama delle legalizzazioni americane non si contano più le volte in cui lo stato di New York è stato ad un passo dalla legalizzazione della cannabis anche a fini ricreativi e poi, per i motivi più disparati, ne ha rinviato l’approvazione. L’ultima volta è stata nell’aprile scorso, perché – secondo il governatore Andrew Cuomo – con la pandemia in corso non c’era tempo per progettare con calma tutti gli aspetti della distribuzione.

Ma nei prossimi mesi potrebbe arrivare la svolta. Ad affermarlo è stato lo stesso Cuomo, che alla stampa ha dichiarato: «Dobbiamo approvare la legalizzazione della marijuana ricreativa e dobbiamo farlo quest’anno. Troppe giovani vite sono state rovinate dalle leggi contro la cannabis».

Lo stesso governatore ha inoltre assicurato di aver parlato al telefono con il leader della maggioranza del parlamento di New York, Crystal People-Stokes, sostenendo che sono «molto vicini a un accordo sulla cannabis».

Secondo gli analisti questa potrebbe essere davvero la volta buona. Innanzitutto, anche in seguito alla pandemia, le casse dello stato di New York sono disperatamente vuote, con un deficit di 15 miliardi di dollari: chiaro che le entrate fiscali che porterebbe la legalizzazione facciano ancor più gola in questo quadro.

Inoltre Cuomo è al centro di una tempesta politica e proprio nella cannabis potrebbe aver intravisto una disperata ancora di salvezza. Da alcune settimane infatti, il governatore è al centro di una tempesta mediatica in seguito all’accusa di molestie sessuali rivoltagli da più donne e sta cercando disperatamente di resistere alle richieste di dimissioni arrivategli anche dal presidente Biden. Procedere alla legalizzazione della cannabis potrebbe essere un tentativo di far parlare d’altro i media e riportare dalla sua parte il favore dell’elettorato.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.