La cannabis continua a dividere in due il mondo della medicina, della politica e dell’immaginario comune. E mentre lo fa Netflix è appena uscita con Disjointed, una nuova serie televisiva dove il tema principale è proprio la marijuana. La storia è suddivisa in 20 puntate della durata di mezz’ora e sulla piattaforma di Netflix risulta essere vietata ai minori di 14 anni.

Ruth Whitefeather Feldman, interpretata da Kathy Bates, è una madre che veste in stile hippie, ex avvocato che per tutta la vita ha lottato in favore della legalizzazione della marijuana. Insieme al figlio Travis, interpretato da Aaron Moten, riesce a realizzare il suo sogno: aprire un dispensario per la vendita e il consumo di erba, il Ruth’s Alternative Caring.

L’attrice Kathy Bates vinse due Golden Globe e un Oscar come miglior attrice in Misery non deve morire. La rivediamo in diverse pellicole cinematografiche come Pomodori verdi fritti alla fermata del treno, Titanic, I colori della vittoria A proposito di Schmidt. Questa volta all’età di 69 anni presta il suo talento al produttore Chuck Lorre, talentuoso ideatore di sitcom come Due uomini e mezzo e The Big Bang Theory.

Ma c’è di più: per aumentare i riflettori su Disjointed Netflix ha messo in vendita (solo per questo fine settimana e solo in alcuni dispensari della California) delle varietà di marijuana ispirate ad altre sei serie televisive americane di successo. Dieci varietà in tutto, tra le quali: Poussey Riot (Orange is the New Black), Prickly Muffin (Bojack Horseman), Banana Stand Kush (Arrested Development), Camp Firewood (Wet Hot American Summer), Baka Bike (Santa Clarita Diet), and Moon 13 (by Mystery Science Theater 3000).

A seconda del genere di sitcom sono state selezionate genetiche differenti: nel caso di commedie divertenti la predominanza sarà di indica, mentre per le serie più impegnate sarà compito della sativa renderle ancora più avvincenti.

Di seguito il trailer di Disjointed

https://www.youtube.com/watch?v=ly019ZF0lsk





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.