8401169897_b71d5600e9_o

Un caro saluto a tutti i fedelissimi che, anche con i tempi che corrono, non rinunciano a seguire uno stile di vita libero ed alternativo. Questo articolo non l’ho voluto dedicare a nessuno di particolare, in quanto ho preferito parlare di una situazione che merita sicuramente l’attenzione di tutti. Era ormai quasi un’ora che giravo tra le campagne attorno Rovigo… Le informazioni erano poche e frammentarie. Si mormorava di una chiesa sconsacrata, di un’abbazia abbandonata… insomma di un posto senz’altro dall’aria misteriosa, sacrilega e blasfema. Un posto a cui non tutti erano invitati, solo i più fedeli discepoli hanno ricevuto le informazioni necessarie per arrivare al DECADENCE EXTRA DATE.

Questo “pellegrinaggio” era già iniziato con un sinistro presagio, la località indicata per l’evento non risultava sul GPS, indice che stavo veramente andando in un posto dimenticato da Dio. Quando ormai cominciavo a perdere le speranze, venni risollevato nel vedere un drappello di gente avvolta in pvc e borchie, davanti ad un posto dall’area sinistra… Finalmente ero arrivato! Mi avevano avvisato che sarei rimasto a bocca aperta e devo ammettere che non si sono minimamente sbagliati. Il locale era stupefacente, una perfetta fusione tra una chiesa in vecchio stile gotico ed una discoteca. Un rifugio per anime dannate dove lasciarsi travolgere dall’estasi e dalla lussuria. La venue è sviluppata su tre livelli: il primo oltre a ospitare il dancefloor è caratterizzato da un’insieme di corridoi e antri oscuri decorati da candele e statue di gargoiles. Tutto questo è sovrastato dalla console del Dj che, al secondo piano, fronteggia un vero e gigantesco organo il quale, assieme a tutti i confessionali in legno, ai crocefissi, i candelabri e ai quadri contribuisce a creare un’ambientazione del tutto unica.

Per i più capricciosi, inoltre, non poteva mancare anche una play room, all’ultimo piano, accessoriata con gogne, inginocchiatoi, panche, croci, catene ed ogni altro tipo di strumento necessario per espiare i propri peccati in puro stile “Santa inquisizione di Torquemada”. Una delle cose più impressionanti è stato notare come l’organizzazione del Decadence sia riuscita a riempire un locale di questa capienza anche se situato parecchio lontano dalla zona bolognese dove operano di solito. La serata reputo sia stata un vero successo, la musica dapprima dark metal e new wave ha continuato a mutare fino alla techno ed industrial. L’impianto audio luci era semplice ma decisamente efficace.

Le casse riversavano sulla pista fiumi di bpm e di decibel perfettamente accompagnati da luci stroboscopiche. Il contorno perfetto per la serata, era dato come al solito da tutti i partecipanti al Decadece, una schiera di ogni origine e credenza radunatasi per celebrare la libertà d’espressione e di movimento. Ritengo sia proprio questa la forza del Decadence, la Libertà da qualsiasi forma di classificazione e condizionamento. Infatti tra gli adepti di questa serata si può trovare dal dark all’amante del fetish, e dallo schiavo sadomaso al robot cyber. Un pubblico di tutte le età e gusti, felicemente riunito. Un doveroso saluto alla mitica Rubberstar che rende questi eventi sempre un vero spettacolo, la quale anche in questa serata, ci ha donato imperdibili momenti colmi di eros e blasfemia. Assieme al suo fidato slave Sissidoll non ha esitato a profanare luoghi ed oggetti sacri come confessionali e bibbie.

Per chi volesse avere altre informazioni sugli eventi Decadence: www.decadence.cc oppure www.rubberstarsecrets.com

a cura di Rubbershin – rubbershin@hotmail.it





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.