Nemo come il bambino protagonista dei fumetti di McCay ambientati nel fantastico regno di Slumberland dove ogni notte si trova a vivere attraverso i sogni straordinarie avventure, Nemo come il capitano di “Ventimila leghe sotto i mari” e ancora Nemo come la parola latina che tradotta vuol dire “Nessuno” e alla quale successivamente l’artista ha aggiunto la “s” trasformando la traduzione in “di nessuno”, riferendosi alla propria arte e completando il paradosso con cui identifica se stesso.

Chi è Nemo’s? Senza dubbio uno degli artisti più interessanti e comunicativi del panorama italiano e non solo, capace di impressionare attraverso i suoi lavori e di guardare la quotidianità che lo circonda con occhi critici e consapevoli, internazionalmente conosciuto e riconoscibile per il suo stile e per i personaggi caratteristici all’apparenza goffi e brutali, ma pregni di significato e spunti di riflessione.

I suoi lavori sono presenti in tutta Italia sulle facciate di numerosi centri sociali occupati, come per esempio all’interno del Teatro Mediterraneo occupato di Palermo dove il soggetto raffigurato ha la testa staccata separata dal corpo da cui piovono monete d’oro, oppure l’enorme murales dipinto a Bologna sulla facciata del “Labàs” che è stato da poco sgomberato.

Trattandosi spesso di lavori eseguiti su superfici di notevoli dimensioni la tecnica preferita è asta e rullo, come per l’ultima facciata dipinta a Lecce e raffigurante un uomo stretto e immobilizzato dal gasdotto della TAP (Trans Adriatic Pipeline), struttura che dovrà attraversare la Puglia tra le moltissime critiche e problematiche connesse all’inquinamento del progetto imposto dall’alto e senza il consenso della popolazione.

L’aspetto flaccido, grottesco e molle con cui Nemo’s rappresenta i suoi personaggi è da intendersi infine come una critica alla società contemporanea, alla perfezione ed all’immortalità apparente nella quale ci proietta incurante della decadenza dell’essere umano e delle sue contraddizioni che da migliaia di anni lo portano a ripetere sempre gli stessi errori.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.