Reggae vibrations

Nel nome di Bob Marley

Nel nome di Bob Marley

Abbiamo chiesto ad alcuni dei protagonisti della scena reggae nostrana di raccontarci del loro incontro con Marley, di quanto manca oggi una voce come la sua nella nostra società e di come, ciascuno a proprio modo, continua a portare attraverso la musica quel messaggio d’amore, pace e rivoluzione.

Nel nome di Bob MarleyPAPAROBY
Selecta della crew Dabadub Sound System, attiva sulla scena raggamuffin italiana dal 2006

L’11 maggio 1981 verrà ricordato dagli amanti della Giamaica e della musica reggae in eterno, perché quel giorno un grande uomo venne meno, ma un genere musicale, un ideale e una filosofia presero forma e si diffusero in tutto il mondo. Sono sicura che oggi Bob sarebbe ancora capace di unire tante persone anche con ideali diversi, come successe durante il One Love Peace Concert nel 1978.

Nel nome di Bob Marley

BABAMAN
Cantante e rapper, nonché membro del movimento Rastafari

Marley per me è stato un maestro di vita. Ascoltare le sue parole è tutt’oggi motivo di riflessione. Senza dubbio ha lasciato un grosso vuoto nel panorama musicale globale e penso che difficilmente potrà mai essere eguagliato da qualcuno. La sua musica è filosofia, spiritualità e ha il potere di unire le persone. Considerato che la tendenza consumista/pop odierna ha reso la musica puro business senza anima né messaggio, artisti come lui sembrano di un altro pianeta. Oggi più che mai mi manca il suo modo di pensare non omologato e rivoluzionario e il suo essere oltre le mode. Mi manca la sua verità, ma, come diceva lui, un rasta vive per sempre.

Nel nome di Bob MarleyNANDO POPU – Sud Sound System
Voce, autore e compositore di tutte le opere dei Sud Sound System

È stato il mio primo amore. Avevo 15 anni quando iniziai a capire cosa voleva dire vivere al sud con tutti i pregiudizi in cui ti incastrano. Mi sentivo rappresentato dalle sue canzoni, vicino a quegli africani deportati come schiavi ai Caraibi. Lui non lo sa, ma ha finito per rappresentare anche le istanze della mia gente. Grazie a canzoni come 400 Years ho studiato il passato della mia terra, il Salento, scoprendolo ricco di cultura, di voglia di vita. Marley è la mia terapia, la mia medicina e io do alla gente che mi ascolta quello che lui ha dato a me. Ripropongo la posologia che mi ha indicato, solo in una lingua diversa.

Nel nome di Bob MarleyGIULIO FERRANTE
Reggae, Rocksteady, Ska (e Ska-Jazz), Ragga, Calypso, Dub. Ha messo insieme un gruppo per ognuno di questi generi

Robert Nesta Marley in realtà è vivo. Ogni volta che ci risuona dentro la sua Positive Vibration e istantaneamente ci sentiamo meglio. Quando ci prendiamo il tempo di meditare e riflettere sul valore e la bellezza della Natural Mystic di cui facciamo parte e che troppo spesso trattiamo come una proprietà da sfruttare senza freni. Marley è vivo più che mai quando la sua voce, che sgorga direttamente dai ventricoli cardiaci, fa risuonare l’Amore dentro di noi, semplice e profondo, mentre ascoltiamo Is This Love. Per me Bob è vivo e quando penso a lui mi sento un po’ più vivo pure io.

Nel nome di Bob MarleyRAINA – Villa Ada Posse
Cantante e fondatore del gruppo Villa Ada Posse, Dj e Producer

A 16 anni, come tutti gli adolescenti, ascoltavo tanta musica. Un sabato pomeriggio, ero in casa con degli gli amici e tra un spliff e l’altro mi avvicinai allo stereo per cambiare musica. Tra i tanti CD sparsi in giro ne vidi uno che mi incuriosì: c’era un rasta in copertina e una scritta,LegendThebestofBobMarley& the Wailers. Dopo aver spinto “Play” la mia vita è cambiata. Sono stato catturato da quelle vibrazioni, nessun accordo e nessuna melodia fino ad allora ara entrata così nella mia anima. Finalmente avevo trovato la “mia” musica, il reggae, che oltre a un genere è libertà, antagonismo, ribellione e soprattutto amore.

Nel nome di Bob MarleyAWA FALL
24 anni, cantautrice. Nata a Bergamo da madre italiana e padre senegalese è tra le voci black più interessanti della Reggae/World Music

Marley è un grande esempio di nobiltà d’animo e resta di grande ispirazione per chiunque lo ascolti. Di lui mi manca quel simbolo di speranza e di pace che rappresentava. Mi manca l’uomo che cantava “Alzatevi e lottate per i vostri diritti”, che come fine ultimo aveva l’unione dei popoli e nient’altro che portare beneficio alle persone.

Nel nome di Bob MarleyQUARTIERE COFFEE
Gruppo reggae nato nel 2004 a Grosseto

Siamo molto affezionati e da sempre ispirati dalla composizione e dal messaggio di Marley. Sicuramente ci manca un artista diretto e mistico come era Bob. Semplice, privo di pregiudizi e brutalmente vero.

Nel nome di Bob MarleyBUNNA – Africa Unite
Cantante e chitarrista, fondatore degli Africa Unite

Marley ci manca tantissimo. Ci manca la sua attitudine, la sua voglia di rivoluzione. Dopo di lui nel mondo del reggae, nonostante non siano mancate proposte musicalmente molto interessanti, non c’è stato nessun artista che abbia avuto una forza pari alla sua. Nessuno ha avuto quel suo carisma. Negli ultimi anni il reggae ha vissuto e sta tuttora vivendo una grande crisi, anche dovuta al fatto che si è persa quella fascinazione che era legata a un certo tipo di musica, ma soprattutto a quei messaggi di speranza, libertà e di indignazione contro “Babilonia” che il suo reggae ha sempre propagandato. Il pubblico ascoltava le canzoni di Marley e si immedesimava, si sentiva in qualche modo rappresentato e parte di una family. Gli Africa Unite devono molto alla sua musica e alla sua attitudine e in questi quaranta anni di attività musicale hanno cercato di portare avanti quegli stessi principi che erano presenti nelle sue canzoni. Abbiamo sempre pensato che chi sale sul palco abbia il dovere di palesare la sua posizione su determinati argomenti. È importante dire da che parte si sta e suscitare interesse e riflessioni con le proprie canzoni.

Nel nome di Bob MarleyFORELOCK
Gran voce reggae e frontman della famiglia Arawak, una delle realtà in levare più forti della Penisola

Ogni volta che lo ascolto penso a quanto stupidi siano concetti che abbiamo metabolizzato nella nostra vita come quello di barriera, confine e limite… Non si tratta solo di colore della pelle, ceto sociale o culturale, Bob Marley ha mostrato un approccio al mondo che bypassa lo stereotipo, il pregiudizio e tutte quelle sofisticherie mentali.

Nel nome di Bob MarleySTIV MAN I – Train To Roots
Chitarrista dei Train To Roots. In 17 anni di attività, la band ha fatto concerti in tutta Europa

Quanto ci manca Bob Marley? Troppo, ma soprattutto cosa ci manca di Bob Marley? A me, ad esempio, manca un punto fermo che vede il mondo in un modo così semplice, e genuino. Manca una persona che con parole comprensibili a tutti, senza giri di parole ti dica esattamente cosa è il bene e cosa è il male in maniera inconfutabile. La nostra società è diventata un covo di odio, di nervosismo, di persone che non vedono l’ora di sfogarsi sugli altri per i motivi più futili, mentre si mettono in secondo piano i veri valori di uguaglianza, di solidarietà, di empatia e collaborazione nei confronti delle persone in difficoltà. Ecco, Bob Marley era instancabile nel veicolare certi valori. Credo che la sua genialità musicale, unita alla sua capacità comunicativa universale, abbia toccato una vetta difficile da raggiungere.

Nel nome di Bob MarleySTEVE GIANT
Reggae ambassador Italia, direttore di Rasta Snob

Bob Marley è il reggae, la sua musica è immortale. “Exodus” per me è il suo disco di riferimento, «il bello della musica è che quando ti colpisce non senti dolore». Il reggae è la nostra medicina quotidiana, Bob Marley è il profeta dell’isola del reggae! Mi manca la Giamaica e mi dà sollievo sentire la musica soave e originale di questo grande personaggio. “One Love” è il messaggio universale che unisce le persone, perché sì, l’amore è l’unica salvezza! Bob Marley ha portato il 27 giugno 1980, 100mila persone allo Stadio S. Siro di Milano, ha fatto conoscere il reggae a tantissimi giovani italiani. A 40 anni dalla sua scomparsa, il suo ricordo è vivo e la sua musica continua a farci sognare! Grazie, Bob!





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Cerca anche
Close
Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.