Negli Stati Uniti Andrew Cuomo, governatore dello Stato di New York, ha annunciato che dal prossimo anno promuoverà la legalizzazione della marijuana a scopo ricreativo. Secondo il “New York Times” questa mossa porterebbe nelle casse statali come minimo 1,7 miliardi di dollari all’anno. La proposta è stata presentata da Cuomo a Manhattan durante un discorso sui primi cento giorni del suo terzo mandato.

La decisione segna un cambiamento per Cuomo, che da poco l’anno scorso si è opposto alla piena legalizzazione. Il suo sfidante democratico quest’anno, l’attrice Cynthia Nixon, aveva promosso la legalizzazione della marijuana, tra i punti della sua campagna elettorale.

Dieci altri stati e Washington, D.C., hanno legalizzato la marijuana ricreativa, spendendo il nuovo gettito fiscale per finanziare scuole e trasporti.

Il vicino New Jersey sta anche valutando se consentire l’uso ricreativo della marijuana. Il governatore Phil Murphy, un sostenitore della proposta e i candidati democratici hanno lavorato a un progetto di legge per diversi mesi, anche se non è prevista alcuna azione fino al 2019.

Il governatore Cuomo

Tradizionalmente, i governatori delineano le loro priorità per l’anno a gennaio. Ma il Governatore Cuomo ha affermato di voler esporre i suoi piani in anticipo. Le entrate supplementari potrebbero aiutare ad affrontare una serie di esigenze, tra cui il travagliato sistema di metropolitana di New York City, che ha disperatamente bisogno di importanti riparazioni e aggiornamenti. Tra le altre misure citate trova spazio anche la creazione di periodi di attesa più lunghi per l’acquisto di armi. Si deve astenere comunque ad approvare la New York Health Act, che avrebbe creato un sistema di assistenza sanitaria a pagamento unico nello stato. Nello specifico il mercato legale della marijuana a New York potrebbe valere tra $ 1,7 miliardi e $ 3,5 miliardi all’anno, secondo le stime del rapporto di stato.

Nel discorso che delinea i suoi piani per il 2019, Cuomo ha affermato che legalizzare la marijuana contribuirebbe a un sistema giudiziario più equo. Molti sostenitori della proposta ritengono che l’attuale legge danneggi in modo sproporzionato le minoranze etniche.

«Dobbiamo anche porre fine alle convinzioni penali inutili e ingiuste e allo stigma criminale debilitante e legalizzare l’uso adulto della marijuana ricreativa una volta per tutte», ha affermato Cuomo.

I democratici controlleranno entrambe le Camere legislative dello stato l’anno prossimo dopo aver conquistato il Senato di Stato nelle elezioni midterm di Novembre.

A partire da Colorado e Washington nel 2012, gli stati che hanno legalizzato la marijuana per uso ricreativo lo hanno in genere fatto attraverso misure elettorali tramite scrutinio. Il Vermont è diventato il primo stato quest’anno ad approvare l’uso ricreativo della marijuana attraverso un’azione legislativa.

Altri stati in cui la marijuana è legale per uso ricreativo includono Alaska, Oregon, California, Maine, Massachusetts, Nevada e Michigan. In oltre 33 stati – tra cui New York – e il Distretto di Columbia è stata legalizzata la marijuana per scopi medici.

Nonostante tutto la cannabis rimane illegale secondo la legge federale. Durante l’amministrazione dell’ex presidente Barack Obama, il governo degli Stati Uniti ha in gran parte permesso ai singoli stati di decidere come gestire la questione da soli, ma il Dipartimento di giustizia sotto il presidente Donald Trump ha permesso ai pubblici ministeri di far rispettare la legge federale anche negli stati che adottano proprie leggi in materia.

 

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy