mdma-2La Mdma potrebbe presto arrivare nelle farmacie Usa, prescrivibile al posto degli psicofarmaci per curare il Ptsd, ovvero il disturbo post-traumatico da stress. La Food and Drug administration (FDA) ha infatti approvato l’inizio dell’ultima e decisiva fase di sperimentazione che interesserà centinaia di pazienti.

La decisione segue le sperimentazioni portate avanti negli ultimi anni dalla Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies, un’organizzazione senza scopo di lucro che conduce ricerche sugli utilizzi terapeutici delle sostanze psicoattive. Questi studi hanno dimostrato come, dopo dodici settimane di psicoterapia e tre somministrazioni di ecstasy sotto controllo medico, più di due terzi dei circa 100 malati sottoposti alla sperimentazione, non presentavano più alcun segno di Ptsd, neppure a lungo termine.

Il trattamento è stato avviato su alcune tipologie di pazienti come i reduci di guerra e le vittime di abusi sessuali, molti dei quali hanno testimoniato come l’ecstasy li avrebbe aiutati non solo a superare gli eventi dolorosi del passato ma anche a curare la dipendenza dall’alcol o da altri farmaci.

Il semaforo verde della Fda permette ora un nuovo e decisivo ciclo di sperimentazioni e se anche questo dovesse concludersi positivamente la produzione di farmaci a base di mdma potrebbe diventare realtà nel giro di pochi anni.

In un articolo pubblicato sul New York Times è sottolineata l’importanza della sperimentazione alla luce del fatto che oggi una percentuale cospicua delle persone colpite da Ptsd (stimata tra il 30 e il 40%) non riesce ad avere significativi progressi con i farmaci in commercio.

La sperimentazione di nuove cure a base di mdma, allo stesso modo di quelle tramite la cannabis che sono già in fase avanzata di sperimentazione, sono frutto anche della sempre maggior preoccupazione che negli Usa si ha verso questa sindrome che colpisce fette ampie della popolazione.

 

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.