LifestyleAnimals

Nasce il movimento #STOPTHEGRIND contro la Grindadràp nelle isole Faroe

Il mondo ha guardato con orrore mentre il governo delle Isole Faroe continua a permettere il brutale e privo di senso massacro di migliaia di globicefali e delfini durante la Grindadràp”. Dopo l’ennesima carneficina di cetacei da parte degli abitanti delle Isole Faroe nell’Atlantico del Nord, un gruppo di attivisti ha dato vita a un nuovo movimento per combattere la tradizionale pratica faroese, ormai chiaramente incompatibile con i valori del ventunesimo secolo. L’obiettivo di #STOPTHEGRIND è semplice: “Chiediamo alle Isole Faroe di cessare immediatamente e permanentemente la caccia perché ci sono ragioni chiare e dimostrate dai fatti per farlo, ragioni basate su preoccupazioni di natura sia etica che ambientale”.

Nasce il movimento #STOPTHEGRIND contro la Grindadràp nelle isole Faroe

Il movimento ha ottenuto parecchio supporto in breve tempo, lanciando diverse pagine social di successo e pubblicando il proprio manifesto sul sito ufficiale. Secondo gli attivisti la Grindadràp sarebbe innanzitutto una pratica non etica, viste le modalità in cui questa si svolge. Una volta individuato un pod di balene, queste vengono infatti spinte verso una delle ventisei baie designate per la mattanza dalle flotte di locali faroesi, che spaventano i cetacei con il forte suono dei propri motori e le inseguono fino allo sfinimento per diverse ore per condurle verso le acque più basse delle baie, dove gli animali sono spesso uccisi con lance e coltelli, metodi che comportano una morte lenta e dolorosa.

Per gli attivisti di #STOPTHEGRIND la caccia rappresenta poi una pratica particolarmente preoccupante da un punto di vista ambientale. Nonostante le continue affermazioni del governo faroese riguardo la sostenibilità della Grindadràp, le evidenze scientifiche a sostegno di questa tesi sono in realtà inesistenti. Il numero totale di globicefali in natura è infatti ancora oggi determinato in maniera fortemente approssimativa, rendendo non veritiera qualunque asserzione che definisca la caccia come una tradizione non dannosa per la conservazione delle specie soggette alla mattanza annuale.

L’aspetto forse maggiormente preoccupante di questa tradizione apparentemente impossibile da eradicare è la quasi totale mancanza di regolamentazione della caccia di balene nelle Isole Faroe. A differenza di altri ordinamenti che spesso prevedono tempistiche e limiti al numero di animali cacciabili, la Grindadràp non ha stagione e non è ancora oggi prevista alcuna limitazione alla quantità di cetacei che possono essere abbattuti, una mancanza che sottolinea ulteriormente il carattere insostenibile di questa pratica cara ai faroesi ma ormai assolutamente inconciliabile con le moderne esigenze di tutela ambientale. Una tradizione come la Grindadràp, che fa innegabilmente parte del patrimonio culturale delle Faroe, non può infatti più avere una posizione prioritaria rispetto alla conservazione di specie fortemente minacciate da una caccia forsennata e dalla pesca intensiva, tanto più quando dietro tradizioni simili non si celi nemmeno più l’ombra di esigenze di sostentamento della popolazione.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button