Science ChannelAnche Morgan Freeman prende posizione in favore della legalizzazione della cannabis. L’attore vincitore del premio Oscar con Million Dollar Baby ha raccontato di averne apprezzato i benefici anche terapeutici dopo un incidente stradale che gli causò gravi ferite e una fibromialgia cronica al braccio sinistro: “Contro il dolore ho provato di tutto, poi ho scoperto che la marijuana era di gran lunga meglio di ogni antidolorifico“.

“Sono un fumatore di marijuana da molto tempo – ha spiegato Freeman – ma solo dopo l’incidente ne ho apprezzato veramente le proprietà. E’ veramente stupido demonizzarla, come si fa verso i giovani dicendo che fa male ma senza informarli sugli aspetti positivi. Ad esempio i ragazzi epilettici con una terapia a base di marijuana potrebbero avere anche una vita normale. Per questo ritengo che sia ora di legalizzarla“.

Il protagonista del film Le ali della libertà, ormai prossimo al compimento degli 80 anni di età si è anche lasciato andare ad alcune cosiderazioni sul rapporto tra cannabis e festival musicali. “Quando si tenne il concerto di Woodstock nel 1969 tutti fumavano marijuana e non ci fu alcun problema di ordine pubblico. Trent’anni dopo, quando venne riorganizzato il festival come tributo, quasi nessun ragazzo fumava marijuana e quasi tutti bevevano alcool, e di fatti quella edizione fu costellata di risse”.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.