Immagine di repertorio

Un vero e proprio inseguimento al parchetto pubblico di via Rota, a Monza, è andato in scena di sera per dare la caccia a tre ragazzi seduti su una panchina e considerati evidentemente “loschi” dagli agenti.

“Alle ore 22.18, una pattuglia della Polizia Locale di Monza si è recata presso l’area verde cittadina in seguito ad alcune segnalazioni che denunciavano la presenza di un gruppo di ragazzi”, racconta il comunicato emesso dalla polizia.

Le tre persone che erano sulla panchina vedendo gli agenti andare verso di loro hanno cercato di allontanarsi, ma gli agenti li hanno rincorsi e fermati. Una volta perquisiti si è scoperto che avevano in tutto “circa un grammo di cannabis”.

I tre sono stati quindi segnalati come consumatori di droghe alla prefettura, nonché multati con l’accusa di essersi intrattenuti al parco oltre l’orario di apertura al pubblico.

Il parco di via Rota è spesso al centro delle cronache locali negli ultimi mesi, come luogo di consumo – e conseguentemente di spaccio – della città. Il luogo dove, come nei giardini pubblici di tutte le città, le forze di polizia possono andare a prendere senza grande sforzo i soliti pesci piccoli, buoni per gonfiare le statistiche sul contrasto al traffico di droghe, mentre chi muove davvero il narcotraffico cittadino non si presenta di certo al parchetto con due grammi in tasca.

Una repressione che colpisce ancora una volta principalmente i consumatori di droghe leggere. Anche a Monza, d’altra parte, a forza di occuparsi della cannabis hanno perso d’occhio l’eroina e le altre droghe pesanti. Nel centro brianzolo, raccontano le statistiche del Ser.T., nel 2013 c’erano solo 3 giovani con meno di 24 anni in cura per dipendenza da eroina o cocaina, quattro anni dopo sono diventati 32.

Nel frattempo le autorità continuano ad occuparsi di dare la caccia a tre ragazzi che fumano una canna nel parco, senza neppure spacciare.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.