Buone notizie

Monsanto-Bayer: confermata la condanna per l’erbicida killer

Monsanto-Bayer: confermata la condanna per l'erbicida killer Dopo la sentenza favorevole dello scorso agosto sul caso Johnson che ha al centro il discusso diserbante Roundup brevettato da Monsanto, il verdetto è stato confermato in appello.

La Bayer, che lo scorso hanno ha acquisito il gigante delle sementi, aveva continuato l’iter giudiziario sostenendo che non ci fossero prove tra la malattia dell’uomo e il diserbante al glifosato ma il giudice d’appello, Suzanne Ramos Bolanos, ha confermato la condanna, sebbene abbia ridotto considerevolmente il risarcimento (da 289 milioni di dollari  a 78,5 milioni).

Le pressione su Bayer sta decisamente aumentando, tanto che in soli tre mesi sono state presentate 1900 nuove cause contro il Roundup, portando il numero totale dei procedimenti intentati contro la multinazionale a oltre diecimila.

Il colosso farmaceutico ha chiuso il bilancio 2018 con un utile netto in calo del 76,9%. A pesare sono svalutazioni per 3,3 miliardi di euro e oneri straordinari propri relativi al ramo d’azienda acquisito (2 miliardi di euro).

Il Ceo della Bayer, Werner Baumann, ha recentemente dichiarato: «Abbiamo la scienza dalla nostra parte e continueremo a difendere con vigore questo importante e sicuro erbicida per un’agricoltura moderna e sostenibile».

Monsanto-Bayer: confermata la condanna per l'erbicida killer

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button