Consumo Critico

Abbiamo un grosso problema con i vestiti invenduti della moda usa e getta

In Africa e in Sudamerica crescono le discariche illegali dove si accumulano i vestiti inutilizzati dall'industria del fast fashion

L’industria del Fast Fashion, quella della moda usa e getta, è in continua crescita. Nel 2021, ha raggiunto un valore che si attesta intorno ai 30,5 miliardi di dollari, 5 miliardi in più rispetto all’anno precedente, e le attuali previsioni sembrano annunciare il potenziale sviluppo di un mercato da oltre 40 miliardi nei prossimi 3 anni. Ma l’aumento del valore del settore dei vestiti a basso costo va di pari passo con un’insostenibile quantità di sprechi e con l’avanzata di una crisi ambientale sempre più inesorabile.

Le spiagge di Accra piene di vestiti inutilizzati

LE DISCARICHE DI VESTITI IN AFRICA

Nelle spiagge di Accra, capitale del Ghana, vengono depositati ogni settimana circa 15 milioni di capi d’abbigliamento invenduti in Europa, Stati Uniti o Asia. Ufficialmente si tratterebbe di donazioni, ma la verità è che una simile quantità di vestiti difficilmente può essere considerata un gesto sinceramente altruista. Le pile di pantaloni, t-shirt e felpe – prodotte per la maggior parte con fibre sintetiche che ne rendono quasi impossibile la biodegradazione – occupano gran parte delle spiagge di Accra e se è vero che buona parte dei capi viene acquistata in lotti dagli abitanti locali che sperano di trarne profitto, lo è altrettanto che molti degli abiti sono inutilizzabili e concludono il loro lungo viaggio verso il continente africano come rifiuti devastanti per l’ambiente.

la discarica di vestiti nel deserto di Atacama

IL DESERTO CILENO PIANO DI ABITI

Ma le spiagge ghanesi non sono certo un’eccezione. Anche il deserto di Atacama, in Cile, è ormai stato trasformato in una delle più grandi discariche di capi d’abbigliamento invenduti al mondo. Sebbene il Cile sia uno dei maggiori consumatori di Fast Fashion e principale importatore di abiti usati del Sudamerica, la richiesta è spesso inferiore all’offerta e buona parte dell’import e degli abiti delle grandi catene finisce nel deserto o sottoterra.

Non tutto è però perduto. ONG come Desierto Vestido o Ecofibra lavorano da anni per sensibilizzare il pubblico sul tema dell’economia circolare e sui danni ambientali causati dall’industria del Fast Fashion e il mercato dell’abbigliamento riciclato e dei vestiti di seconda mano sta crescendo rapidamente. In questo caso, il problema non è certo rappresentato dalle singole persone che acquistano capi da Zara o da una delle altre grandi catene del settore, ma scelte più sostenibili sono comunque fondamentali per iniziare ad arginare il fenomeno.

 

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Cerca anche
Close
Back to top button