High times

Mississippi: stop alla legalizzazione della cannabis medica nonostante il voto popolare

Durante le ultime elezioni di novembre, il 74% degli elettori del Mississippi ha votato a favore della riforma della cannabis medica che renderebbe la cannabis legale per le persone che soffrono di condizioni specifiche.

Appena prima del voto, le autorità del Mississippi, hanno tentato di squalificare la misura di riforma statale sulla cannabis, sostenendo che era stata inclusa illegalmente nel ballottaggio; i funzionari che rappresentano la città di Madison, compreso il sindaco, hanno intentato una causa sostenendo che il mancato aggiornamento delle linee guida avrebbe dovuto invalidare il voto.

I legislatori del Mississippi hanno creato il processo di iniziativa elettorale costituzionale dello stato nel 1992. A quel tempo, lo stato aveva cinque distretti. I legislatori richiedevano le firme di ogni regione per qualificare una misura per il voto, con non più del 20% da uno qualsiasi dei cinque distretti. Otto anni dopo, il Mississippi ha perso un distretto del Congresso perché lo stato ha perso popolazione secondo il censimento federale del 2000. Ma nessuno si è preoccupato di rivedere il processo di iniziativa statale per riflettere quel cambiamento.

I giudici della corte, tuttavia, hanno stabilito a maggioranza che la misura elettorale fosse incostituzionale a causa di una falla che hanno detto essere fuori dal loro controllo.

In totale disaccordo il giudice James D. Maxwell II, che ha sostenuto che: “Non solo questa particolare iniziativa è morta, ma lo è anche il processo di iniziativa dei cittadini del Mississippi”.

Il dissenso del giudice della corte suprema non è stato di certo l’unico, Carly Wolf, responsabile delle politiche statali di NORML, ha criticato severamente il provvedimento. “Gli oppositori alla legalizzazione hanno dimostrato più volte di non poter avere successo né davanti al tribunale dell’opinione pubblica né alle urne. Indipendentemente dal fatto che si sostenga o meno la riforma della marijuana, gli americani dovrebbero essere indignati per queste tattiche apertamente antidemocratiche e, di conseguenza, ai più vulnerabili del Mississippi continuerà a essere negato l’accesso sicuro a una terapia che potrebbe offrire loro un significativo sollievo da condizioni gravemente debilitanti”.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.