L’amaro si chiama Minosse, dal nome dell’antico re di Creta e giudice dei dannati nella Divina Commedia. “Nasce da un’idea che mi è venuta circa 8 mesi fa, dopo il lancio di Calipso, perché ho capito che poteva essere interessante andare incontro ai gusti di quelle persone che come digestivo potevano preferire un gusto più deciso”, racconta Armando Scalzone a canapaindustriale.it. “Quindi abbiamo iniziato a studiare le erbe e le spezie che unite insieme, visto che un amaro è fatto di diverse essenze, potessero esaltare la canapa. E’ venuto fuori un prodotto eccezionale”, continua a spiegare il fondatore dell’azienda campana Canapa Felix che, dopo aver creato Calipso, il primo amaro alla canapa in purezza, oggi lancia questo nuovo prodotto.

Della canapa che parte usate?
Principalmente usiamo le foglie, ma il segreto è quello di utilizzare diverse parti della pianta in diversi momenti della preparazione.

Farete una presentazione ufficiale?
Al momento non è prevista anche perché abbiamo iniziato con le vendite e ne sono già state acquistate più 150 bottiglie in nemmeno una settimana. Abbiamo richieste da tutta Italia sia per Minosse che per Calipso.

Quali sono le differenze tra Calipso e Minosse?
Calipso ha 33 gradi e Minosse 35, come livello alcolico. Calipso è probabilmente il primo in Europa ad essere stato un liquore alla canapa in purezza, quindi con sola canapa, senza additivi né coloranti. Minosse invece è sicuramente il primo amaro del sud Italia, composto da canapa come base e da tutta una serie di botaniche selezionate prettamente nell’areale campano.

Come è nata l’idea di produrlo?
E’ un prodotto che non c’era sul mercato e sta avendo un grande successo. Ho tenuto la stessa linea estetica per le bottiglie e fanno la loro figura anche esteticamente. Consiglio a tutti di assaggiarlo, bevendolo ghiacciato, per il sapore deciso che lo contraddistingue.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.