Ogni volta che vedo un lavoro di Millo, forse a causa della minuziosa cura dei dettagli o forse per la particolare prospettiva, penso a quella serie di libri creata dall’illustratore inglese Martin Handford “Where’s Wally?” dove il lettore è invitato a trovare il personaggio principale tra la folla, appunto Wally, riconoscibile grazie alla sua maglia a righe bianche e rosse, il suo cappello e gli occhiali spessi e neri.

Millo, al secolo Francesco Camillo Giorgino è attualmente uno degli street artist italiani più interessanti e apprezzati al mondo. I suoi lavori sono inconfondibili e caratterizzati dall’utilizzo quasi esclusivo del bianco e nero, contornati da un tratto deciso e incastrati in un background dove nove volte su dieci, è una metropoli a farla da padrone.

Classe ’79, ha frequentato un corso di studi in architettura a Pescara ed è riuscito a portare la sua arte, che molto deve al mondo del fumetto e dell’illustrazione, prima in moltissime città italiane come Roma, Milano, Bologna, Firenze e poi in molti angoli del globo spaziando tra Stati Uniti, Svezia, Cina, Bolivia, Marocco, India e tanti altri dando nuova vita e carattere a facciate di edifici grigie e aberranti obbrobri causati dalla speculazione edilizia.

Difficile non restare affascinati dai moltissimi dettagli che compongono i lavori di Millo, infatti in quasi tutti riproduce una sorta di città universale e anonima che rappresenta la sua concezione di habitat inteso come lo spazio che occupiamo nel mondo, dove spesso viviamo in solitudine nonostante i tantissimi luoghi e persone che vi gravitano.

I personaggi che popolano i lavori possono apparire goffi e fuori scala, compiono azioni e interagiscono con la minuziosa metropoli rispecchiando con le loro emozioni la crisi dell’individualismo moderno che porta spesso a lavorare sulla propria personalità con grande distacco dagli altri individui. Ma l’aspetto fondamentale per la lettura dei murales è che a ben guardare si tratta di bambini nel corpo di adulti, rappresentano la possibilità di rimanere sempre stupiti dalle cose che ci circondano invitandoci a lasciare spazio alle emozioni e alla felicità come appunto fanno i più piccoli.

Millo ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, primo fra tutti il primo posto alla B. Art competition di Torino del 2014 che lo ha fatto conoscere a tutta la scena della street art mondiale, vanta poi un curriculum davvero ricco che spazia dall’illustrazione di libri al cinema, dai documentari a pubblicazioni per magazine internazionali.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.