Uno dei motori trainanti del rinascimento psichedelico in corso da qualche anno è sicuramente l’assunzione periodica e/o strutturata delle cosiddette microdosi, generalmente di LSD o psilocibina: meno di un decimo della dose normale, ben al di sotto della soglia percepibile. Pratica diffusasi a macchia d’olio soprattutto nella scena anglofona, pur se da tempo nota agli addetti, per stimolare creatività, empatia, e compassione, o ridurre l’ansia sociale. Online se ne parla tranquillamente in appositi forum e sondaggi, oltre a protocolli operativi e libri di vario tipo che ne chiariscono dettagli, benefici e problematiche. E la Beckley Foundation ne sta curando indagini scientifiche di ampio respiro.

Inevitabile perciò che ora arrivi sul web la vendita di una sorta di Microdosing Kit – pur con ovvi cavilli sulla sua legalità ed efficacia. Lo propone in esclusiva Microdelics, negozio online con base in Canada dedicato, appunto, alla medicina psichedelica. Al modico prezzo di 59,95 dollari si può ordinare una bottiglietta contenente 100 microgrammi di 1P-LSD, ovvero “dieci microdosi di 1P-LSD”, definito come “sostituto legale” e sostanza analoga al ben più noto acido lisergico, tuttora vietato nel mondo intero. Ciò grazie al fatto che le normative locali non proibiscono specificamente sostanze analoghe come l’1P-LSD. Il cui consumo rimane vietato negli Stati Uniti, ma non l’acquisto e il possesso solo a scopo di studio e ricerca scientifica. In maniera simile alle spore dei funghetti del genere Psylocibe, acquistabili online per essere studiate al microscopio come hobby micologico, mentre coltivazione e uso restano del tutto illegali.

Lo stesso sito specifica che l’1P-LSD è vietato sotto ogni aspetto in Europa, pur se con certe “zone grigie” in Germania e in altri Paesi extra-europei. Né mancano dettagliate istruzioni su come misurare e conservare questa particolare “tintura all’LSD”, garantendone gli stessi potenziali benefici delle vere e proprie microdosi psicoattive.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.