Ambiente e natura

Metà della vita marina è scomparsa negli ultimi 40 anni

Metà della vita marina è scomparsa negli ultimi 40 anniAbbiamo distrutto metà della vita marina negli ultimi 40 anni. Uno ci deve pensare: il pianeta vive, si evolve, si adatta per miliardi di anni, poi arriviamo noi e in 40 anni distruggiamo tutto quello che madre natura ha perfezionato così a lungo.

Tutto questo è il risultato di inquinamento, pesca industriale, cambiamenti climatici. E ha per conseguenza non solo la fine di specie animali e della biodiversità sul pianeta, ma anche della vita degli umani, specie in paesi dove la pesca e l’agricoltura sono le fonti primarie di lavoro e di approvvigionamento alimentare.


Tonni e sgombri sono diminuiti del 75%
dal 1970 ad oggi. Un quarto di specie di squali e di raggi sono vicini all’estinzione. La barriera corallina d’Australia è morta o morente. La metà di tutti i coralli del mondo è scomparsa e, se non cambia niente, entro il 2050 i coralli non ci saranno più.

È grave questo? Certo, perché sebbene i coralli occupino meno dell’1% della superficie oceanica, un terzo delle specie marine vivono qui o in stretto contatto con le barriere coralline. Le mangrovie, e le poseidonie oceaniche sono scomparse in molti angoli del pianeta.

Metà della vita marina è scomparsa negli ultimi 40 anniIl 29% delle specie commestibili di pesce è calato del 90%. E non è solo il brodetto di pesce che scompare, ma la protezione offerta da queste specie animali in termini di “purificatori” naturali del mare. Aiutano a contrastare il dilagare delle alghe e proteggono le coste.

Un gruppo di scienziati canadesi, guidati da Boris Worm della Dalhousie University in Halifax, aveva già preannunciato tutto questo: se non facciamo niente, entro il 2048 potrebbero scomparire tutte le specie marine: la biodiversità cala, l’ambiente marino declina e le nostre vite cambiano, e non per il meglio.

La biodiversità è fondamentale: più specie ci sono nel mare, più sano è. Intanto siamo entrati nella sesta era di estinzioni di massa. Le specie animali e vegetali scompaiono a un tasso 100 volte superiore rispetto a 100 anni fa. La quinta era di estinzioni di massa fu quella di 65 milioni di anni fa, quella in cui morirono tutti i dinosauri.

Chissà se l’uomo sopravviverà a sé stesso dopo la fine della sesta era delle estinzioni di massa.

Articolo tratto dal blog ufficiale di Maria Rita D’Orsogna

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button