La legalizzazione in Messico è arrivata per via giudiziaria, dopo che la politica, nonostante l’ultimatum ricevuto dalla corte Suprema nel 2018, non era stata in grado di approvare una legge definitiva. Ma manca ancora una vera e propria regolamentazione.

Dopo un rimpallo, durato anni, tra la Camera e il Senato messicani, la stessa Corte Suprema a giugno 2021 ha dichiarato l’incostituzionalità generale del divieto di coltivazione, detenzione e consumo di cannabis, che ora dovrà essere applicata anche in assenza di una legge che ne decida le modalità.

Grazie alla decisione della Corte i cittadini possono richiedere un permesso alla Commissione Federale per la Protezione contro i Rischi della Salute (Cofepris), il dipartimento della salute della nazione, per ottenere legalmente la cannabis. Con il permesso, gli adulti saranno autorizzati a possedere fino a 28 grammi (circa un’oncia) di cannabis per uso personale. La corte ha anche stabilito che gli adulti possono richiedere un permesso per coltivare e raccogliere piccole quantità di cannabis per uso personale.

E questa è la situazione attuale, con la Corte suprema che ha raccomandato al Congresso di legiferare per eliminare le incongruenze e generare un quadro giuridico per i consumatori di cannabis. Perché attualmente ci sono diversi nodi da sciogliere. Per la decisione della Corte, ad esempio, i maggiorenni potrebbero coltivare cannabis, ma il codice penale federale non è cambiato: penalizza ancora quelle stesse attività con sanzioni che vanno da 10 mesi a tre anni o più di carcere.

Come sottolineato su Filter nella pratica “la decisione della Corte Suprema ignora la necessità di una regolamentazione complessiva che permetta allo Stato di applicare tasse alle attività commerciali, che attualmente sono ancora criminalizzate con sanzioni penali. Trascura anche l’urgenza di un programma di amnistia per le migliaia di persone attualmente incarcerate con accuse di cannabis di basso livello, o ostacolate da precedenti penali per tali accuse”.

Quindi ora ci si aspetta che il Senato riveda il disegno di legge iniziale e lo armonizzi. Diventando il terzo paese al mondo a regolamentare l’uso di cannabis negli adulti, dopo l’Uruguay e il Canada, il Messico potrebbe passare dall’essere uno dei maggiori produttori illegali ad essere il più grande mercato interno legale del mondo. Bisogna vedere quale sarà la volontà politica.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.