High times

Messico: la Corte Suprema autorizza le produzioni di cannabis a basso contenuto di THC

Messico: la Corte Suprema autorizza le produzioni di cannabis a basso contenuto di THC
Xebra Brands Ltd e la sua sussidiaria messicana, Xebra Mexico, fanno storia vincendo una causa dinnanzi alla Corte Suprema del Messico. In questa sentenza è stato dichiarato che tutte le leggi che vietano la coltivazione di cannabis con un contenuto di tetraidrocannabinolo (THC) inferiore all’1 % sono incostituzionali.  Questa decisione – che non può essere in alcun modo impugnata – prevede ora che il Tribunale si faccia carico della sua implementazione attraverso la Commissione Federale per la Protezione contro i Rischi sanitari (COFEPRIS), ovvero l’agenzia sanitaria nazionale del Messico.

Con questa storica sentenza, Il Messico fa un passo in avanti ulteriore verso la legalizzazione della cannabis, nonostante la Commissione Federale spingesse per limitare la produzione di marijuana esclusivamente per finalità mediche e scientifiche. Nonostante la posizione del COFREPIS, tuttavia il paese non è nuovo a soluzioni giudiziarie di questo tipo: lo scorso giugno infatti la stessa Corte Suprema aveva già dichiarato l’illegittimità costituzionale del divieto di coltivazione, detenzione e consumo di cannabis. Già questa sentenza  stabiliva che i cittadini potevano richiedere un permesso al COFREPIS, per potere possedere fino a 28 grammi di marijuana per uso personale, stabilendo altresì come gli adulti potessero richiedere un permesso per coltivare e raccogliere piccole quantità di cannabis sempre per uso privato.

Cannabis in Messico: gli effetti di questa ultima sentenza

Alla luce di questa decisione, Xebra Brands ha deciso che commercializzerà nel paese prodotti a basso contenuto di tetraidrocannabinolo come oli, tinture, alimenti e bevande. Al contempo, altre aziende stanno monitorando l’evoluzione normativa in questo ambito: al momento infatti le leggi che vietano l’utilizzo della cannabis sono tuttora in vigore, nonostante adesso questa decisione giudiziaria costituisca un precedente vincolante. Il settore, com’è noto, è altamente redditizio, con un business che si stima raggiungerà un fatturato di 249,6 milioni di dollari entro il 2025.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button