Era il 2018 quando la Corte Suprema messicana dichiarò per la quinta volta come incostituzionale il divieto al consumo e alla coltivazione di cannabis, obbligando di fatto la politica a normare la situazione, legalizzandola. Dopo diversi tentativi, intoppi e ripartenza, il processo era arrivato alla legalizzazione alla Camera circa tre mesi fa, arenandosi però prima dell’approvazione definitiva in Senato.

E quindi i giudici tornano a sostituirsi alla politica e, in una decisione storica e con un voto a maggioranza di 8 a 3, la stessa Corte Suprema, ha dichiarato l’incostituzionalità generale del divieto di coltivazione, detenzione e consumo di cannabis, che ora dovrà essere applicata anche in assenza di una legge che ne decida le modalità.

Grazie alla decisione della Corte i cittadini possono richiedere un permesso alla Commissione Federale per la Protezione contro i Rischi della Salute (Cofepris), il dipartimento della salute della nazione, per ottenere legalmente la cannabis. Con il permesso, gli adulti saranno autorizzati a possedere fino a 28 grammi (circa un’oncia) di cannabis per uso personale. La corte ha anche stabilito che gli adulti possono richiedere un permesso per coltivare e raccogliere piccole quantità di cannabis per uso personale.

Coloro che ottengono il permesso di possedere o coltivare cannabis dovranno inoltre astenersi dall’uso in presenza di bambini e dal guidare un veicolo a motore o impegnarsi in altre attività potenzialmente pericolose mentre sono sotto l’effetto della sostanza.

Intanto i sostenitori della legalizzazione dicono che questa decisione sottolinea la necessità per i legislatori di approvare rapidamente una legge per implementare un sistema completo di vendite legali e regolate. Vogliono assicurarsi che sia stabilito un mercato che sia equo, che affronti i danni della criminalizzazione sulle minoranze etniche e che promuova la libertà personale.

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.