Maxi-PriestPer Maxi Priest c’è ancora tanta voglia di dare amore e vibrazioni positive. D’altronde nel passato il suo successo è stato per certi aspetti straordinario, rendendolo così uno degli artisti reggae più amati e seguiti, oltre che esponente di spicco della scena lovers inglese. Un’ascesa così inarrestabile che lo ha reso nel 1990 una delle due realtà reggae, insieme agli UB40, ad arrivare in vetta alla Billboard generale, il che potete immaginare cosa significa in termini di copie vendute. Il singer è sempre stato protagonista di un reggae pop molto leggero e solare, linee melodiche semplici e testi quasi sempre di impronta romantica, lo hanno consacrato come un protagonista indiscusso degli anni ’90.

Una deriva commerciale che non è sempre piaciuta ai fas più militanti come conferma la tiepida accoglienza riservata a “Refused”, album uscito nel 2007 e che al momento risulta essere l’ultimo disco del singer. Nel 2011 Maxi Priest ha dato segni di convinto ritorno grazie in particolare alla collaborazione con il produttore jamaicano Kemar “Flava” McGregor. Sulla base Cool and Deadly, infatti l’artista inglese ha registrato un’ottima “Fly High”, che è stata davvero molto apprezzata da chi da tempo aspettava una sua nuova produzione.

Lo scorso anno invece con la collaborazione di Michael Freisenbruch e Tony Brannon, Maxi Priest si immergeva nella magia della pop music inglese, la cui nascita come tutti noi sappiamo è dovuta ad un gruppo mitico come i Beatles. Nasceva così “All My Loving”, che è appunto un classico del repertorio dei Beatles.

Ora è invece il momento di “Easy To Love”, che utilizza la consolidata e amata base di “In My Arms” di Beres Hammond, il che già conferisce tanto al nuovo brano. Il singer ci mette il suo proverbiale stile dolce e romantico, così che basta ascoltarla una volta per cominciarla già a canticchiare, grazie anche ad un video particolarmente adatto alle atmosfere estive. Presto Maxi Priest darà alle stampe anche il suo nuovo album, in collaborazione con la VP Records.

T-Action





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.