Quarantotto negozi di cannabis light hanno subito nelle ultime ore sequestri da parte della Guardia di Finanza. 39 dei negozi colpiti si trovano in provincia di Taranto, gli altri 9 in Campania, Calabria, Lazio e Lombardia. L’operazione, disposta dalla procura di Taranto, si colloca in un filone di indagini finalizzato a sgominare un presunto traffico di marijuana vera e propria “mascherata” da cannabis light.

In tutti i negozi interessati dall’operazione i militari delle Fiamme Gialle, sono state sequestrate infiorescenze di cannabis light da destinare al laboratorio analisi per vericare se il tasso di THC presente è al di sotto dei limiti dello 0,5%.

L’operazione ha avuto inizio nello scorso ottobre, quando a Taranto vennero sequestrati 9 chili di cannabis light in un distributore automatico della città. Le infiorescenze erano commercializzate da due aziende locali e un’informativa della Guardia della Finanza ha annunciato che hanno rivelato concentrazioni di THC superiori ai limiti di legge. Tuttavia la concentrazione reale non è stata comunicata, quindi ancora non è noto se si trattasse effettivamente di “marijuana” o semplicemente di cannabis senza effetti psicoattivi ma con concentrazioni di principio attivo di poco superiori ai limiti.

Ad ogni modo, a seguito di quell’operazione, sei persone sono state denunciate per “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti”: il titolare del distributore automatico e i proprietari delle due aziende produttrici. Dalla documentazione commerciale delle due aziende incriminate i finanzieri sono risaliti a tutti i negozi che avevano acquistato da loro cannabis light: sono i 48 che hanno subito i sequestri di merce di queste ore.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.