High times

Mauritius verso la depenalizzazione

Anche le Mauritius intendono depenalizzare l'uso delle droghe, cercando di curare le dipendenze piuttosto che criminalizzarle

Imbarcazioni ormeggiate in una spiaggia alle Mauritius con collina verde in fondo alla spiaggiaAnche nella Repubblica di Mauritius, dopo altri Stati insulari di cui vi abbiamo parlato recentemente, un emendamento al Dangerous Drugs Bill varato quest’anno nello stato mauriziano, intende depenalizzare l’uso delle droghe, cercando di curare le dipendenze piuttosto che criminalizzarle. L’emendamento presentato il 27 ottobre u.s. nella piccola Repubblica a largo dell’Africa e del Madagascar, vuole inoltre regolarizzare l’uso della cannabis per scopi terapeutici.

MAURITIUS: I 3 SCOPI DELL’EMENDAMENTO

Se l’emendamento verrà approvato, oltre alle bellezze naturali di questa meravigliosa isola dell’Oceano Indiano interamente circondata dalla barriera corallina, si potrà anche godere di un approccio più ragionavole alle dipendenze: i tossicodipendenti non verranno infatti più perseguiti penalmente, come succede attualmente alle Mauritius, bensì seguiti a livello medico per aiutarli a venire fuori dalla propria condizione.

La legge sulle droghe sarà modificata secondo l’emendamento presentato al Consiglio dei ministri e discusso in Parlamento perseguendo altresì 3 obiettivi specifici: l’assenza di procedimenti giudiziari su raccomandazione del Direttore della Procura Pubblica (DPP: Directeur des Poursuites Publiques ); l’introduzione della cannabis terapeutica; poteri aggiuntivi al Laboratorio di scienze forensi (FSL: Forensic Science Laboratory).

1° PARTE DELL’EMENDAMENTO: LA DEPENALIZZAZIONE

Ecco cosa prevede il nuovo emendamento secondo quanto riportato dal giornale mauriziano lexpress.mu: se il reato commesso è il possesso di droga per uso personale, l’indagato potrà sottrarsi all’azione penale se non sussistono circostanze aggravanti, come la coltivazione a scopo di spaccio.

Lo scopo del Dipartimento della Salute è quello di depenalizzare il possesso di droga per consumo personale, aprendo una nuova strada per non criminalizzare tossicodipendenti e consumatori. Una persona potrà evitare la prigione su raccomandazione del DPP, ma dovrà comparire davanti a un Pannello Amministrativo dei Tossicodipendenti (DUAP: Drug Users’ Administrative Panel) per il trattamento della dipendenza.

Questo panel seguirà il consumatore che dovrà essere disintossicato e riabilitato in un istituto. Attualmente infatti alle Mauritius, quando la polizia ferma un consumatore in possesso di sostanze stupefacenti, quest’ultimo viene perseguito penalmente.

2° PARTE: INTRODUZIONE DELLA CANNABIS TERAPEUTICA

La seconda parte dell’emendamento riguarda la cannabis per uso medico, che è stata finora vietata. Secondo questo emendamento la pianta, il derivato in capsule, l’olio, lo sciroppo o lo spray non dovranno superare i 30 mg e i 60 ml di tetraidrocannabinolo (THC) per dose.

Per qualificarsi per il trattamento saranno necessarie condizioni mediche specifiche come la spasticità associata a sclerosi multipla non trattata con mezzi convenzionali, grave epilessia refrattaria che non risponde ad alcun trattamento anticonvulsivante convenzionale, pazienti sottoposti a chemioterapia i cui effetti del trattamento risultino inefficaci o pazienti con dolore cronico.

Questi pazienti saranno indirizzati al Comitato Terapeutico della Cannabis Medica, che sarà istituito in ogni ospedale pubblico, e il loro caso sarà presentato da uno specialista autorizzato a raccomandare l’uso della cannabis medica. Il Direttore Sanitario Regionale presiederà ogni comitato con due specialisti del servizio pubblico e un farmacista certificato.

I trattamenti saranno erogati in un periodo rinnovabile non superiore a tre mesi. La cannabis medica sarà importata solo dal Ministero della Salute e la consegna sarà controllata dalla polizia.

3° PARTE: POTERI AGGIUNTIVI AL LAB DI SCIENZE FORENSI (FSL)

l’FSL avrà più poteri e le analisi dei farmaci potranno essere eseguite in un laboratorio specializzato.

MAURITIUS: ANCHE I RASTA VOGLIONO LA LORO PARTE

A margine di questa riforma del disegno di legge, la comunità rasta della Repubblica delle Mauritius chiede il permesso di consumare cannabis durante le celebrazioni rastafariane. I Rasta si basano sulla Costituzione dell’isola che garantisce la libertà religiosa. Diversi Paesi consentono già l’uso sacramentale della cannabis o di altre piante psicoattive all’interno delle comunità.

L’avvocato Sanjeev Teeluckdharry testimonierà molto presto davanti alla Corte Suprema per spiegare che i diritti costituzionali dei Rasta sono stati finora violati e che l’uso religioso della cannabis deve essere riconsiderato.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button