Risoluto e senza lasciare spazio ad alcuna possibilità: «Non passerà mai e non è nel contratto di governo», così il vicepremier Matteo Salvini ha risposto ad un giornalista che gli ha chiesto cosa pensasse della proposta di legalizzazione della cannabis depositata dal senatore del M5S Matteo Mantero.

La dichiarazione giunge dopo che il Ministro della Famiglia nonché capo del Dipartimento politiche antidroga del governo, il leghista Lorenzo Fontana, aveva bollato la proposta Mantero come una «provocazione inaccettabile».

Il disegno di legge depositato dal senatore del Movimento 5 Stelle prevede una depenalizzazione completa dell’autoproduzione, con il diritto a coltivare tre piante di cannabis per uso personale, e la possibilità per i consumatori di associarsi in “Cannabis social club”.

La contrarietà della Lega era facilmente prevedibile – d’altronde sono ormai lontani i tempi in cui Salvini si dichiarava favorevole alla legalizzazione – ora rimane da capire come i 5 Stelle reagiranno. La proposta Mantero finirà su di un binario morto o verrà portata avanti, a rischio dello scontro con l’alleato leghista, ricercando maggioranze diverse da quella di governo nei due rami del Parlamento?

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.