Matteo #fallagirare! E’ il motto – concepito come hashtag in perfetto stile renziano – con il quale i giovani democratici della “sua” Firenze chiedono al premier di rompere gli indugi e schierarsi in favore della legalizzazione della cannabis. Il tutto attraverso un breve video nel quale i giovani del Pd fiorentino si soffermano sui benefici economici che deriverebbero dalla legalizzazione.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Vuoi continuare a dare 10 miliardi di euro ogni anno alla mafia, spendendone altri 2 per inutili politiche proibizioniste?”, si chiede al premier nelle sovraimpressioni che accompagnano il video. E ancora: “Legalizzando la cannabis lo Stato guadagnerebbe circa 8 miliardi di euro. In un solo anno. Pensateci, con 8 miliardi di euro si potrebbe: abolire l’Imu sulla prima casa, gestire 16mila asili nido, raddoppiare i finanziamenti per l’università italiana, installare 1,5 milioni di pannelli fotovoltaici, portare la banda larga in tutta Italia, costruire 20 nuovi ospedali da 500 posti letto ciascuno, abolire il canone Rai, ripristinare l’Iva al 20%. Legalizzarla conviene! Matteo, #fallagirare“.

Non è dato sapere se l’appello sia stato visto dal diretto interessato che comunque, come sempre sul tema cannabis da quando è al governo, per ora non si è espresso (sulle posizioni di Renzi riguardo alla cannabis ci siamo già interrogati in questo articolo). Di sicuro però l’effetto mediatico dell’appello sta raggiungendo buoni risultati, attraverso la diffusione dell’hashtag #fallagirare su twitter e con le condivisioni su facebook.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.