In soli 5 giorni dal via alla legalizzazione in Massachusetts, i due soli dispensari che hanno ottenuto la licenza, hanno fatturato più di 2 milioni di dollari vendendo cannabis.

Le vendite, che hanno avuto dei picchi in occasione della festa del Ringraziamento, fanno riferimento al periodo dal 20 novembre al 25 novembre e sono state rilasciate martedì dalla Commissione di controllo della Cannabis di stato e sono quelle del New England Treatment Access a Northampton e del Cultivate a Leicester.

Lo scorso 20 novembre, primo giorno delle vendite legali in Massachusetts, i negozi hanno venduto più di 440mila dollari di prodotti a base di cannabis. Il giorno più impegnativo è stato il Black Friday, quando le vendite di oltre 12mila unità di prodotti hanno generato entrate per quasi 480mila dollari.

Stephen Mandile, un veterano della guerra in Iraq, è stato il primo della fila che si è formata davanti al Cultivate in attesa che aprisse le porte. Ha detto ai media locali che era da tutta la sua vita da adulto che non vedeva l’ora che la cannabis potesse essere finalmente legalizzata.

“Probabilmente era dal liceo che sognavo che sarebbe potuto accadere, ma che sia successo veramente oggi è sorprendente”, ha detto Mandile. “Per ciò che può rappresentare per i veterani, non solo me stesso, ma anche per altri che porterò con me, è molto speciale per me”. Il riferimento è ai sempre più numerosi veterani di guerra che, per lenire le difficoltà che derivano dal disturbo da stress post traumatico, iniziano a curarsi con la cannabis.

A Leicester, Cultivate ha attirato così tante persone che i funzionari della città hanno convocato una riunione d’emergenza per discutere della congestione del traffico nella città. La direzione del dispensario ha affermato che circa 1.000 clienti hanno visitato il negozio ogni giorno dall’apertura. Dawn Gauthier, un residente che vive vicino a Cultivate, ha detto che il nuovo negozio di cannabis ha avuto un impatto significativo sul quartiere.

Per ora sono gli unici due negozi di cannabis ricreativi autorizzati sulla costa orientale degli Stati Uniti, ma altri dovrebbero aprire presto a Salem, Wareham e Easthampton e poi a Boston a partire dal 2019.

L’uso ricreativo della cannabis è stato legalizzato anche in Vermont e Washington, DC, ma queste giurisdizioni non hanno ancora un quadro per le vendite legali, mentre le vendite al dettaglio di cannabis dovrebbero iniziare nel Maine l’anno prossimo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.